23.5.11

Zack & Miri, amore a primo.... sesso (Zack & Miri Make a Porno, 2008)
di Kevin Smith

Share |

3 anni ci ha messo Zack & Miri ad arrivare in Italia. L'ormai non più ultimo film di Kevin Smith (intanto ha girato e fatto uscire Poliziotti Fuori e Red State, quest'ultimo ancora inedito in Italia) è il secondo al di fuori dell'Askewniverse, il mondo creato da Smith in cui convivono tutti i personaggi dei suoi diversi film. Nonostante questo però Zack & Miri è forse uno dei più pienamente smithiani da qualche tempo a questa parte.

E' stato probabilmente un boxoffice domestico non esaltante a frenarne la corsa verso l'Italia, tuttavia un titolo simile potrebbe avere più fortuna nelle nostre sale che in quelle statunitensi. La storia di come due coinquilini, che mai prima di quel momento avevano pensato di avere rapporti tra di loro, decidano di girare un film porno per uscire dallo stato di indigenza che causa l'assenza di acqua corrente e riscaldamento (d'inverno) nella loro casa, è un modo per parlare di due temi più cari all'Europa che agli Stati Uniti.

Kevin Smith, che ora è passato alla totale autarchia produttiva e distributiva, in Zack & Miri sembra preconizzare questo stato. Le varie fasi attraverso le quali i due passano per la produzione e la distribuzione del loro film ricalcano quelle delle combattive produzioni indipendenti (mondo che l'autore di Clerks conosce bene), aggiornate al tempo di internet e filtrate dalla metafora del porno.
Zack & Miri in più di un momento afferma che per fare un film basta farlo e similmente a Be Kind Rewind (uscito solo pochi mesi prima) mostra come le produzioni avventurose, dalla dubbia qualità e professionalità possano essere le migliori. Il cinema non è solo il suo esito (un buon film) ma soprattutto il suo processo, la gioia del farlo.

Dall'altro lato poi c'è il tema della forte indigenza dei protagonisti. Raramente in una commedia americana vediamo una situazione tanto disperata. Zack e Miri non hanno più parenti prossimi (uno dei motivi per i quali pensano di potersi permettere di girare un porno), non hanno lavori stabili e remunerativi, vivono una situazione di autentica povertà postmoderna e sembrano non vedere un'uscita alla fine del tunnel. Non c'è mai critica sociale o un discorso su crisi economiche e via dicendo, solo uno sfondo, un paesaggio nel quale agire personaggi in cerca di sopravvivenza che non fanno un dramma della propria condizione.
Guardando il film a 3 anni di distanza, con la coscienza di cosa è successo dopo al mondo e a Kevin Smith, Zack & Miri sembra davvero aver catturato lo spirito del momento in cui è uscito.

0 commenti: