30.10.08

Rocknrolla (id., 2008)
di Guy Ritchie

Share |

PROIEZIONE SPECIALE
FESTIVAL DEL FILM 2008

Il primo film è una novità, il secondo è ripetizione di uno stile, il terzo è conferma di un modus operandi.
Tornato al suo cinema di incastri e vicende parallele che lentamente convergono Guy Ritchie ritrova se stesso più avanti di dove si era lasciato. All'energia di Lock & Stock, aggiunge più complessità di racconto (qui ogni personaggio ha un suo doppio, cioè un altro uomo cui è sempre accoppiato e che è la sua parte complementare e viceversa), trova nuove idee (le telefonate mostrate con un montaggio che sembra far procedere in circolo le inquadrature o il fantastico inseguimento con i russi), non si vergogna di niente e mette in mostra ciò che vuole.

E' Guy Ritchie. Entertainment al 100% che sollazza il basso ventre come la testa e se molti dicono che non va a parare da nessuna parte hanno ragione. Ma lo fa benissimo!

Come al solito a regnare è la casualità ma soprattutto l'inconoscibilità della realtà e dei fatti della vita, principio dimostrato attraverso il classico McGuffin (qui un quadro) che scatena ire, inseguimenti e capovolgimenti di fronte tra pesci piccoli e pesci grandi.

Non c'è motivo di avercela con Guy Ritchie per il montaggio ipercinetico, per le inquadrature modaiole, per il continuo tappeto musicale ruffiano e l'esaltazione dei suoi protagonisti, perchè il suo cinema è vitale come pochi. Non siamo di fronte alla personalità di un Bekmambetov, vacuo nel suo saturare l'immagine, ma di un cineasta completo che si diverte ad intrattenere con storie dall'orchestrazione magistrale. E a me piace.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Io questo purtroppo non sono riuscita proprio a vederlo e ancora mi mangio le mani!!
Ale55andra

Anonimo ha detto...

aggiungo: la scena di sesso più efficace ed esilarante del Festival. (Marta/SuperBimba)

gparker ha detto...

si spettacolare!
Ale55andra, stavi qui a Roma?

dario ha detto...

Sai che sta girando uno Sherlock Holmes con Robert Downey Jr e Jude Law come Watson?

Anonimo ha detto...

Si gparker, sono tornata proprio oggi, a saperlo ci saremmo incontrati!!
Ale55andra

frankie666 ha detto...

grande. E il John Woo europeo.

gparker ha detto...

dario: si lo sapevo e l'attesa è davvero molta

Ale55andra: e non mi hai detto nulla??