2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

20.12.05

A History Of Violence (id., 2005)
di David Cronenberg

Meno male che ho letto su FilmTv scorso che A History Of Violence è una cosa che gli è stata affidata in corsa, che non lo avrebbe voluto fare ma ci si è trovato e che ha cercato per quanto poteva di piegarlo alla sua volontà.... Meno male perchè sennò mi toccava pensare che Cronenberg si fosse rimbabito.
Invece quello che è accaduto in realtà dev'essere stato proprio quello che ha detto Cronenberg, non si fa nessuna fatica a crederlo vedendo il film. Si tratta di una storia di una banalità incredibile, trattata secondo i peggiori canoni americani (quelli tipici del cattivo cinema americano) nella quale agiscono personaggio piattissimi. Tuttavia ci sono alcuni lampi cronenberghiani a rendere la visione quantomeno interessante.
La storia è proprio una storia di violenza (anche se il titolo fa riferimento alla storia personale del protagonista, in sostanza il suo passato violento), che narrando di un uomo che aveva cercato una seconda occasione per rifarsi una vita ma è costretto a fare nuovamente i conti con quella passata, fa pensare ad altro e cerca di comunicare altro. A History Of Violence, parla di violenza appunto ma nel senso più lato del termine e del concetto, rappresenta vite dove la violenza è all'ordine del giorno: violenza verbale, violenza morale, violenza carnale e soprattutto violenza fisica (chiaramente trattandosi di Cronenberg la violenza fisica è rappresentata con un'efferatezza impressionante, quasi asiatica).
La scena più bella ed esemplificativa del film è quella dell'amplesso furioso e violentissimo sulle scale che segue un tentativo di fuga. Ma anche la storia parallela del figlio a scuola o quella della violenza mediatica sono funzionali.
Impossibile però giustificare le immani cadute di stile che costellano il film non ultima la sequenza finale nella villa del fratello, mi sono sentito trattato come un cretino.

Per Tony, ad un certo punto del film il protagonista imbocca in una mega villona con tenuta e a poche decine di metri dalla casa/castell, sempre all'interno delle proprietà, c'è il lago privato. E pure grosso.





Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.