2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.1.16

The vatican tapes (id., 2015)
di Mark Neveldine

Il film di esorcismo è un genere a sè che va sempre di più emancipandosi dalla sua matrice horror. Hollywood sembra produrne con buona regolarità almeno uno l’anno, di volta in volta variando la struttura verso l’intrigo. Tra il background dei preti e quello delle vittime infatti i film di esorcismo prediligono sempre di più il primo, le alte sfere vaticane, gli ordini che arrivano da Roma e gli eventi messi a tacere. The Vatican Tapes poi sarebbe doppiamente interessante perché è anche il primo film in cui Mark Neveldine lavora senza il compare Taylor. I due insieme hanno dato vita al cinema più strano uscito dagli Stati Uniti negli ultimi anni, diventati noti con Crank hanno realizzato anche un impossibile secondo capitolo di Ghost Rider, sempre all’insegna di un cinema in cui il farsi è più rischioso di quel che racconta, dell’azione ripresa nelle maniere meno convenzionali e più rischiose.

Per questo forse, per la sua vocazione ai film di grande dinamismo, Mark Neveldine è così non a suo agio negli ambienti cattolici e in un film che si gioca sulla falsariga di L’esorcista (tutto il cinema di esorcismo viene da lì ma questo in particolare ne ricalca parecchi passaggi), dunque su un confronto per lo più statico tra fede e maligno e non sulla furia della corsa.
Lo si vede bene quanto Neveldine sia a disagio quando, per pochi momenti, gli è concesso di mettere in scena del movimento puro. Si libera, cambia ottiche e ritrova la sua dimensione migliore, il film per un momento sembra svegliarsi per poi però tornare subito dopo a dormire, ingabbiato nuovamente in scene e momenti che sembrano davvero non calzare questo regista.

Già la trama di The Vatican tapes è di quelle da delirio puro, un trionfo di implausibile epica cattolica mista a ricercata ignoranza in materia, sarebbe servita una mano rigorosa e piena di conoscenza filmica per dare alla storia di due preti alle prese con un esorcismo che sembra più che altro magia, una parvenza di vera inquietudine. Invece The vatican tapes vuole essere La casa ma senza l’ironia e con massicce dosi di folle “credibilità”. Mette in piedi una retorica filmata del complotto, delle stanze segrete e dei misteri vaticani abbastanza risibile anche per standard da Dan Brown, addirittura finalizzata (lo si capisce alla fine) alla creazione di una saga.
Il risultato è un polpettone esagitato buono per completisti e appassionati del genere.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.