2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.10.16

Snowden (id., 2016)
di Oliver Stone

FESTA DEL CINEMA 2016
SELEZIONE UFFICIALE
C’è una difficoltà oggettiva dietro ogni progetto che si propone di portare al cinema i problemi di sorveglianza, sicurezza informatica e attualità politica alimentati dalle nuove tecnologie. Si tratti di documentari o film di finzione, tutti devono scontrarsi con l’esigenza di spiegare e semplificare concetti e informazioni complesse ma indispensabili. Oliver Stone prende di petto la storia più importante di tutte, quella di cosa fece Edward Snowden e perché, e decide di unirla alla spettacolarizzazione da cinema hollywoodiano per realizzare un film per tutti. La storia politica più pregnante che possa esistere, pensata con gli artifici narrativi utili a raccontarla al pubblico più vasto immaginabile ma senza svilirla.

E se la missione riesce forse è proprio grazie ad una scelta radicale e molto intelligente alla base di tutto il film, quella di indagare le motivazioni più che la storia e la cronaca. Cosa spinge un ragazzo a rischiare tutto (morte, carcere, privazione di diritti civili, perdita di contatto con familiari…) violando i massimi segreti del proprio paese? Gli stessi che per quasi un decennio ha aiutato a preservare! Snowden (il film) questo vuole mostrare, la nascita di una coscienza civile in un ragazzo che voleva essere un soldato, in un uomo di vedute conservatrici e fedele al proprio paese. Il fiore della resistenza sbocciato nell’asfalto di una mente militare. E proprio in questo movimento sottile tra violazione delle regole per l’affermazione di una regola ancor più grande, Stone trova il successo più autentico.

Certo come sempre Stone sa bene dove batta il proprio cuore e non ha intenzione di farne mistero, non cerca la verosimiglianza nelle caratterizzazioni umane, né il contraddittorio. Eppure il modo in cui costruisce la sua storia con la calma serafica indispensabile a spiegare, mostrare e anche omettere ciò che sarebbe eccessivo andare a raccontare, dimostra una forma smagliante, una che non gli vedevamo esibire da anni. Snowden infatti, e pare incredibile scriverlo, è addirittura un film asciutto considerata la storia che mette in scena! Uno che evita la paranoia in cui era facile cadere e cerca la costruzione narrativa innanzitutto.
Per chi conosce i molti documentari girati in materia (specie quelli di Laura Poitras che davvero ha seguito Edward Snowden), questo film si incastra a perfezione nella grande continuity cinematografica, ma lo fa aggiungendo un livello in più che solo la finzione può portare: la comprensione intima di cosa succeda dopo un decennio passato a prendere complimenti per azioni che si ritengono aberranti.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.