2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

15.5.12

Margin Call (id., 2012)
di J.C. Chandor

E' impossibile non notare l'estrema reattività cinematografica che l'America sta dimostrando rispetto alla propria personale (ma anche mondiale) crisi economica. Prima ancora di Margin Call abbiamo visto Too Big to Fail, esperimento frettoloso di traduzione televisiva degli eventi principali che hanno portato al tracollo economico, e tutti i copioni contaminato dai temi relativi alla ristrettezza economica (fin'anche Transformers).
Ora Margin Call arriva in sala a mettere un po' di ordine e a fornire un punto di vista a freddo, anche se è passato pochissimo dai fatti raccontati.

Al posto della squallida cronaca degli eventi di Too big to fail c'è invece uno svolgimento pienamente filmico, ovvero una lente di ingrandimento posta su un momento unico (la lunga notte prima della svendita totale di una banca d'investimento tra le più grandi del paese) che senza fare nomi e cognomi reali filtra la realtà attraverso la lente delle figure retoriche.
C'è la contrazione temporale, c'è la sineddoche del piccolo evento per raccontarne uno più grande, ci sono gli eufemismi di un mondo di ricchi che parla della crisi, la suspense, l'enfasi nazionalista e le straordinarie ironie del cinema. Certo non manca qualche grande spiegazione fatta a favore di pubblico attraverso le consuete metafore semplicistiche, ma davvero è il meno.

Con un cast di prim'ordine (Kevin Spacey, Jeremy Irons e Demi Moore a guidare la banca e il film, Stanley Tucci e fare l'outsider d'eccezione, Zachary Quinto a fare il giovane impiegato che scopre tutto e a coprodurre il film) Margin Call non risparmia in stoccate, ricordandosi sempre di levigare i suoi personaggi, cioè non dimenticando mai di essere film e non docu-film, di essere racconto fantastico e inventato e non cronaca dell'attualità. E sebbene in qualche momento sembri di percepire un afflato vagamente teatrale (la quasi totale unità di luogo e tempo fa di questi scherzi) Margin Call sa spiazzare e quasi commuovere al momento giusto.
Finalmente quindi il cinema ha fatto quel che sa fare meglio, mettere sul piatto non la storia come si è svolta ma un racconto sentimentale della grande trama che pervade il proprio paese.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.