2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.5.12

Men In Black III (id., 2012)
di Barry Sonnenfeld

Se volete prendervela con qualcuno fatelo con Etan Cohen, che nulla ha a che vedere con il quasi omonimo "fratello Coen", ed è invece sceneggiatore tra i peggiori cui Hollywood può affidare un film. Se già l'idea di un terzo Men In Black ad anni di distanza dal secondo non sembrava eccessivamente calzante, in mano a lui diventa la cosa peggiore che un sequel possa diventare: un episodio televisivo con un 3D svogliato e impercettibile.

Guardando Men In Black III si ha la netta sensazione di trovarsi davanti alla versione elaborata di un episodio particolarmente lungo di una serie tv sul duo Will Smith / Tommy Lee Jones. Quella in cui Will Smith va indietro nel tempo, sistema la "morte" di K e poi torna nel presente dove nulla è per fortuna cambiato, così che il prossimo episodio possa andare in onda indisturbato.
Anche per questo motivo (ma non solo) a Men In Balck III mancano tutte le caratteristiche precipue del cinema, figuriamoci quelle di un sequel! Non c'è evoluzione dei personaggi, non c'è un tema forte, non c'è un'identità precisa nè un vero e autentico pretesto narrativo (o idea) che giustifichi la realizzazione del film.

Anche l'umorismo (ripetitivo al massimo se si conoscono gli altri due film) non è più divertente e vive del solo impegno dei due attori, anzi del solo impegno di Will Smith e del cammeo di Bill Hader nel ruolo dell'agente infiltrato nella factory sotto il nome di Andy Warhol.
Cosa ancora più grave, essendo passati anni dall'uscita del primo film, è anche chiaro a tutti cosa di quella serie sia rimasta nell'immaginario collettivo e cosa no, cioè cosa davvero fosse l'elemento interessante: la visione distorta del mondo, in grado di spiegare ogni stranezza e ogni follia come la "realtà delle cose a cui nessuno crede". Ignorare tutto ciò per inventare una storia di viaggi nel tempo e duello sul razzo in partenza per la Luna è veramente quanto di più pigro si potesse fare.
In questi casi si dice che chi ha amato i due film precedenti andrà comunque a vedere questo terzo, a prescindere da quante cattive voci possano girare. Beh stavolta il fan farebbe meglio a stare a casa.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.