2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.5.12

Reality (2012)
di Matteo Garrone

CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES 2012

Fissato con il concetto di "favola" (aveva definito così anche Gomorra, aggiungendo l'aggettivo "nera"), consacrato ad un cinema che paradossalmente imita il teatro nel suo "accadere live" e appassionato di luoghi, copri e professioni dei suoi personaggi Matteo Garrone è un regista davvero imprevedibile, eppure con Reality firma il suo film più prevedibile. La storia gira dalle parti dell'influenza delle aspirazioni indotte nella vita dei singoli, dell'infrangersi dei sogni e va a parare sui temi della pazzia e del superstizionismo. Insomma introduce un po' di banalità in una confezione che rimane sempre e comunque straordinaria, fatta di luoghi sorprendenti (quell'acquafan...), fisici martoriati dalla realtà della vita (si potrebbe descrivere ogni suo personaggio solo spiegandone il fisico) e una composizione delle inquadrature che quando non è improvvisata suggerisce il più raffinato degli occhi per come queste parlino più delle battute.

Le ragioni della grandezza del cinema di Matteo Garrone quindi non stanno mai nelle sue trame (alle volte libri, alle volte pure invenzioni poco complesse e alle volte adattamenti di fatti di cronaca), quanto nel processo attraverso il quale le mette in scena. 
Dotato di un metodo personale formato da autodidatta, Garrone gira cronologicamente e realizza ogni ciak chiedendo agli attori di non dire le battute alla stessa maniera del precedente ma di variare sulla base dei concetti che sanno di dover esprimere e filma sempre in prima persona (cioè è l'operatore dei suoi film), ponendosi in mezzo alla scena con la macchina a spalla per seguire gli eventi che non sa come si svolgeranno.
Questo fa sì che sia l'unico regista al mondo che può permettersi durante una scena di lasciarsi distrarre da quel che accade a margine della scena, andandosi a soffermare su un dettaglio improvviso che cattura la sua attenzione (la bambina che gioca col bottone) o improvvisamente negando i controcampi di un dialogo perchè affascinato da un'espressione, un taglio di luce o una composizione particolare. E benchè questo accada 2-3 volte in un film lo stesso l'idea più grande di un cinema "osservato" rende ogni sua pellicola un gioiello di compresenza dello spettatore nella scena, attraverso "l'attenzione" posta dalla videocamera in ogni momento.

Verrebbe dunque da dire che non può esistere per definizione un film brutto di Garrone, perchè il suo sguardo  (reso esplicito dal suo imporsi sui canoni della messa in scena) è sempre interessante, per natura, e perchè questa lavorazione lascia sempre emergere una personalità e un occhio così forti sugli eventi, da dominarli.
Eppure Reality è una delusione. L'idea di un uomo che inseguendo un sogno (di liberazione dai problemi economici) si innamora dell'idea di piacere a qualcuno e del successo, prima ancora di riceverlo ma solo per aver partecipato ad un casting, fa sì che la reality del titolo non sia solo l'indicazione di un genere televisivo ma anche quella realtà che il protagonista ad un certo punto perde di vista. Stimoli interessanti, buoni per quella valanga di articoli demagogici contro i reality show che arriveranno con l'uscita italiana, ma nulla più. Reality purtroppo è sempre ad un passo dall'essere memorabile, ad un'inquadratura dal mettere a frutto quei corpi straordinari scelti con perizia per essere tutto tranne che ordinari, quelle location inumane inquadrate come fossero altro (c'è un quartiere che sembra un paesello), quelle luci (e soprattutto i bui) di Marco Onorato e il favolismo (quello con il quale il regista è fissato) suggerito più che altro dall'incipit e dallo score di Alexandre Desplat. Un peccato.

5 commenti:

alp ha detto...

se parli di delusione proprio tu che sei stato sempre un fan convinto di garrone... beh mi fa pensare


Gabriele Niola ha detto...

per carità poi non è uno schifo eh. Però mi aspettavo di più


SK ha detto...

Parlare del nulla, e male.


Anonimo ha detto...

anche io sono stato rapito dalla bimba che gioca con il bottone nella scena del provino.
grazie alla recensione, capisco come può rendere realistico un girato così "favolistico".
ho trovato un'occhio sulla follia, invece della prevedibile critica ai reality.
per nulla deluso, soprattutto confrontato con il resto del cinema italiano (di finta denuncia spiccia).

e lo score.... bello lo score, pare di vedere fellini...

paolo


Gabriele Niola ha detto...

rispetto al resto del cinema italiano Garrone è semplicemente un cineasta serio.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.