2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.5.12

Madagascar 3: Ricercati in Europa (Madagascar 3: Wanted in Europe, 2012)
di Eric Darnell, Conrad Vernon, Tom McGrath

FUORI CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES 2012

E' proprio quando nessuno è pronto ad essere sorpreso che arriva il colpo di teatro clamoroso.
Quando si riaccendono le luci alla fine di questo terzo film della serie Madagascar, la convinzione è che sia cambiato tutto il team creativo, a favore di una rivoluzione che ha portato (una volta tanto) anarchia e gioia di mettere in scena in una serie che, dopo lo spunto iniziale del primo film, era subito caduta nella noia. Invece no, il team è sempre quello con l'aggiunta di Noah Baumbach (uno che vanta esperienze con Wes Anderson), nonostante il film sia completamente diverso sia dai precedenti che dal resto della produzione Dreamworks.

Il terzo Madagascar è una follia nonsense e demenziale che riappacifica la serie (e per estensione la Dreamworks) con il mondo dell'animazione classica, quella televisiva dei Looney Tunes. A partire dall'incipit è tutto implausibile, non c'è il minimo sforzo di dare una vaga idea di possibilismo. Al contrario del passato tutto quel che accade è surreale senza che ce ne sia motivo e ad un certo punto, raggiunto il culmine qualsiasi assurdità diventa divertente (un orso con tutù che perde il triciclo con cui girava e ruba una ducati che usa come un funambolo, ma sempre con la medeima espressione imbronciata). A guadagnarne ovviamente è il divertimento mai così alto.

Gli animali fuggiti dallo zoo sono decisi a tornare a casa ma dovranno passare per l'Europa, l'unico modo per farlo (dopo aver nuotato con boccaglio e maschera dal Madagascar fino alle coste di Montecarlo) è unirsi ad un circo di cui prendono la proprietà e la gestione. Da lì è un delirio continuo di anarchismo portato in qualsiasi situazione, sia dalla truppa degli animali che dal contraltare ancora più comico dell'agente di polizia con la fissa della cattura del leone, che per pervicacia e assurdità nella caccia ricorda Taddeo dei Looney Tunes.
Impossibile dire altro su un film che alla solita trama pretestuosa finalmente associa un andamento in grado di demolire tutto quel che di convenzionale è stato sviluppato in questi anni a favore di una riconquista delle radici comiche e fantastiche.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.