2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

14.3.13

Dead Man Down (id., 2013)
di Niels Arden Oplev

PUBBLICATO SU 
Sembra che Oplev, arrivato in America sulle ali della trilogia originale di Millenium (quella di Uomini che odiano le donne), non vedesse l'ora di comportarsi assecondando i principali tratti che dall'Europa attribuiamo al cinema statunitense più commerciale. Il suo Dead Man Down è la celebrazione dell'action hero dal cuore devoto alla famiglia, inserito in un clima da gangster cittadino e infine colorato di individualismo, eroismo e un'improbabile superomismo. Insomma il grado più superficiale e pigro di Hollywood.

Colin Farrell è un ingegnere che architetta un piano degno di un ex dei corpi speciali della CIA, con una vendetta in mente (si direbbe che era sprecato alla facoltà di ingegneria) e Noomi Rapace è una donna sfigurata che pensa anch'essa solo alla vendetta ma, sembra dire il film, solo uno dei due desideri di sangue è giusto e verrà portato a termine con eroismo. L'altro è da condannare. Il perchè rimane sospeso.
Dunque al primo film in terra americana Oplev si mostra subito moralmente ambiguo (in un genere, il "più o meno noir" cittadino, che invece fa della morale il suo punto di forza) se non proprio ignavio, incapace di pretendere posizione, conscio che si tratta di materia non importante.

Della storia di un uomo che ha la vendetta nel cuore e di due anime ferite che forse insieme possono trovare pace, Dead man down sembra quindi interessarsi solo all'intreccio e mai al senso ultimo.
Oplev gode nel generare piccoli quadretti, momenti di tenerezza, di paura, di tensione, di azione o anche di comicità (con l'imprevedibile sordità di Isabelle Huppert) ma mai nell'immaginare un grande racconto coerente, un affresco che anche visto da lontano abbia molto senso.

Ci sono film che anche se incomprensibili riescono ad essere affascinanti, altri che attirano con la forza della logica del proprio intreccio, altri ancora che usano il fascino delle immagini per migliorare il carisma della storia, Dead man down è un film dallo svolgimento molto canonico e molto prevedibile che non riesce mai a trovare la propria attrattiva.
Incapace di raccontare un mondo davvero disperato, incapace di dire qualcosa sul vivere urbano, indifferente all'uso della violenza che fa, non curante delle carte che mette sul tavolo (quanti spunti delle interazioni tra i due protagonisti non vengono colti?) e infine totalmente impotente di fronte all'esigenza di raccontare due esseri umani Dead man down è solo una buona raccolta di immagini per trailer.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.