2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

19.5.13

A touch of sin (Tian Zhu Ding, 2013)
di Jia Zhangke

FESTIVAL DI CANNES
CONCORSO

PUBBLICATO SU 
L'ultima volta che avevamo visto un film di Jia Zhangke era stato il vincitore a sorpresa del festival di Venezia. Si trattava di un'opera strana e inusuale che piazzava un uomo in un luogo che di lì a poco sarebbe stato allagato dalla distruzione di una diga, intento a cercare esseri umani che lì si erano persi.
A touch of sin invece è un'opera molto più semplice e diretta, giocata su un terreno più vicino al pubblico ma lo stesso animata dalla volontà di mostrare come il progresso e l'inarrestabile marcia della nuova Cina nasconda sotto di sè, pulsioni e tensioni terribili. C'è insomma qualcuno che fa le spese di tutto questo.

Per arrivare alle sue conclusioni Jia Zhangke mette in scena 4 storie, da 30 minuti l'una, con 4 personaggi diversi in luoghi diversi della Cina (eppure ognuna è legata all'altra in una qualche blanda maniera). Ogni storia mostra uomini e donne raggiungere il massimo dell'esasperazione per motivazioni differenti e rispondere a questa con un'esplosione di violenza. 
Che tale violenza sia la metafora molto diretta del malessere e delle tensioni sociali è abbastanza chiaro dalla maniera in cui un cineasta solitamente sobrio come Jia Zhangke insista maniacalmente sul sangue e la dilaniazione portati dalle azioni dei suoi personaggi. Quando deve scegliere come filmare gli omicidi, opta sempre per la soluzione più diretta, spudorata ed efferata (addirittura segue un suicida che si butta dal balcone per tutta la durata del volo).

Che sia un film più semplice e basilare del solito lo si capisce anche solo dalla scelta degli attori e dalla loro recitazione tutta ammicchi, specie Zhao Tao, moglie del regista, già protagonista di Still Life (e in Italia di Io sono Li).
Il regista non cerca il delicato equilibrio ma come un Iñarritu racconta tante cose diverse per mettere in evidenza un unico tema, ovvero cosa accomuni queste storie. Un concetto unico e semplice, che ruota intorno ai peccati e ma ricorda da vicino la disperazione umana.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.