2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

22.11.13

Alla ricerca di Jane (Austenland, 2013)
di Jerusha Hess

PUBBLICATO SU 
I coniugi Hess sono il duo di autori più strano e meno classificabile prodotto dal cinema americano degli ultimi anni. Perchè anche chi fa cinema assurdo e demenziale, a modo suo, è classificabile, invece le commedie che solitamente scrive Jerusha e dirige Jared si presentano come convenzionali ma sono animate da un tono e soprattutto da personaggi fuori da ogni schema, dei veri inni all'umanità più triste e desolante.
Alla ricerca di Jane Austen è il primo film che Jersuha scrive e dirige da sola ed è una commedia romantica che non risponde a nessuno schema preconfezionato, non somiglia a null'altro e non vuole essere chiara in nessuna maniera.

Come sempre nei film degli Hess i protagonisti sono dei perdenti in cui è impossibile identificarsi, che si presentano all'inizio della storia con pochissimi tratti piacevoli (anche Keri Russell che di suo sarebbe attraente, fa di tutto per imbruttirsi, almeno inizialmente), freak che vivono una vita dalla miseria umana e dalla tristezza incomparabili. Stavolta la derelitta del caso è una maniaca di Jane Austen che vive in una casa piena di oggetti kitsch in stile britannico, ossessione che le impedisce di trovare un ragazzo come vorrebbe. Per sublimare la sua mania spende quasi tutti i soldi che ha in una gita in un parco a tema Austen, un luogo in cui tutto è fatto per ricostruire gli scenari dei romanzi della scrittrice e (è solo suggerito) avere delle proibite storiacce con i paggi dal pacco grosso.

E' lì che Alla ricerca di Jane Austen entra nel vivo e dimostra di essere più di quello che può sembrare. Austenland è un luogo pieno di attori e nel quale agli stessi avventori è chiesto di recitare una parte per ricreare l'atmosfera, ma la maniera in cui Jersuha Hess (partendo dal libro di Shannon Hale su cui si basa la trama) fa avanti e indietro tra finzione e realtà, lasciando che lentamente i confini tra i due svaniscano che rende il film una parabola non comune sulla possibilità di vivere un sogno e il desiderio di avere in mano una realtà.
Certo il meccanismo presta anche il fianco (e molto bene) ad un'ironia nettamente più intelligente e acuta della media delle commedie romantiche, e anche se il finale si chiude nella maniera più canonica possibile, nella mente rimane una carrellata di personaggi e di scenari (per non dire le comparse!) di un'amarezza irredimibile rara, un campionario di umanità minuscola e misera, un atto di sfiducia nel genere umano che le commedie romantiche non percorrono mai.

3 commenti:

vinz ha detto...

Il titolo ufficiale italiano sembra essere, ahime', "Alla ricerca di Jane".
Un remake di Tarzan, in pratica.


Gabriele Niola ha detto...

giusto
maledetta leggerezza che tutto porta via


Gabriele Niola ha detto...

comunque c'è l'abile doppio senso basato sul fatto che la protagonista sia chiama Jane, dunque cercando l'una forse troverà l'altra....
raffinatissimo


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.