2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.2.15

Kingsmen - Secret service (The Kingsmen: secret service, 2015)
di Matthew Vaughn

PUBBLICATO SU  
Ancora un adattamento di Mark Millar per Matthew Vaughn. Il regista di Kick-ass mette in scena un'altra volta una parodia che non è tale, un fumetto che parla di cultura pop, rielabora stereotipi e luoghi comuni di un genere per aderirci quanto più possibile. Kingsman - Secret service fa allo spionaggio bondiano quello che Kick-ass fa ai film di supereroi: cerca di divertirsi con le sue regole traendone una storia paradossale. Non va mai preso sul serio il grande baraccone che Vaughn mette in piedi tra reclutamento di una nuova leva, addestramento alle arti di un ordine di spie centenario e lotta contro un villain che vuole conquistare il mondo, bisogna lasciarsi contagiare dalla sua voglia di divertirsi.

Consapevole di se stesso, raffinato nei suoi riferimenti e determinato a cercare di essere la miglior imitazione possibile del cinema di Edgar Wright (dinamico, d'azione, postmoderno ma anche pieno di ironia e significativo) Kingsman si diverte a divertire, prova un evidente piacere epidermico nell'essere di rapido consumo ma raffinato, come gli abiti indossati dai protagonisti (una setta di spie con la copertura della raffinata sartoria da uomo britannica).
Addirittura Vaughn sperimenta una forma di piano sequenza nella mischia con una macchina a mano mossa eppur controllata che sembra la versione pompata della maniera in cui Gareth Evans si getta assieme ai suoi protagonisti nel vivo dell'azione in The Raid (film punto di riferimento per l'action moderno che sta cominciando ad essere imitato).

Certo non c'è niente della profondità di lettura di Wright (che vuole divertire ma ha anche un corposo sottotesto che si prende sul serio) solo il suo più immediato umorismo. Nelle spie che paiono supereroi sanno di essere spie con il mito di James Bond e Jack Bauer, che vedono i film di spionaggio e ne conoscono i luoghi comuni c'è la volontà di non essere come gli altri, quel tocco di metacinema che cerca di elevare il film al di sopra della concorrenza. Diversamente da quelli che si prendono più sul serio (come Marvel e DC) Kingsman dice allo spettatore "Io e te siamo uguali", non finge di non sapere quali siano gli stereotipi del genere e come Scream negli anni '90 comunica con lo spettatore alla sua stessa altezza, partendo dalla stessa conoscenza condivisa. È il cinefumetto che non si prende sul serio, che è consapevole di essere puro escapismo e cerca di farlo al meglio, come una farsa in cui tutti recitano senza costumi o maschere ma per quello che sono, per il puro divertimento di realizzare l'artificio senza un'eccessiva sospensione dell'incredulità, potendosi così permettere di arrivare ad estremi (le gambe di lame, le voglie sessuali della principessa di Svezia) che altrove sarebbero ridicoli.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.