2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.5.15

Pitch Perfect 2 (id., 2015)
di Elizabeth Banks

PUBBLICATO SU  
In Italia si chiamava Voices il precedente capitolo di Pitch Perfect, ed era una commedia di grandissima sapidità, fondata tutta sul dialogo, che sembrava capace di più di quel di cui faceva sfoggio. Sul canovaccio dei film da "grandi talenti", i cui esponenti principali in questi anni sono stati quelli di ballo da strada (ma l'elenco è lungo), inseriva il grande successo televisivo delle storie di cantanti (da cui nascono i molti talent show a tema) per prendere in giro tutti e nessuno. Da Glee a X-Factor, da Step Up a Saranno famosi era tutto un bersaglio mancato da un film comunque divertente, che sembrava eccessivamente preoccupato di aderire alla categoria bersagliata.
Problema scampato dal sequel che aggiusta il tiro e spara con più decisione e potenza di fuoco nella direzione migliore, quella della società.

Questa volta Kay Cannon, libera dall'ingombro dato dal dover rispettare il libro da cui il primo film prendeva le mosse, è lasciata a briglie sciolte. La sua sceneggiatura, messa in scena da Elizabeth Banks (è la prima volta per lei in un lungo) si preoccupa decisamente meno di seguire dei binari canonici ed è libera di graffiare e rovinare qualsiasi cosa. Rovina la storia di seconda opportunità, rovina il trionfo umano, rovina le linee d'amore, il riscatto delle brutte, la grande gara finale e anche lo stage nell'etichetta musicale, non c'è bersaglio o elemento della storia che non sia massacrato da battute, screzi o da un'adesione agli stereotipi talmente eccessiva da risultare comica. Pitch Perfect 2 realmente perfeziona l'idea alla base del primo e nonostante sia nettamente sbilanciato sui dialoghi riesce lo stesso a creare un'aria di ribellione al carattere smielato e conformista del genere cui il film dovrebbe appartenere che ne costituisce il lato migliore. Ancora di più si ribella al carattere smielato con cui cinema e tv, in generale, rappresentano la società e i ruoli dei sessi.
Addirittura il film non è nemmeno eccessivamente piegato là dove sarebbe stato più semplice andare a parare, ovvero sul fisico e la comicità slapstick di Rebel Wilson (dotata di pari spazio rispetto alle altre).

In questa storia di un gruppo di cantanti che cerca di rimediare ad una brutta figura affrontando una prova che sembra più grande di loro, sembra di poter intuire anche qualcosa di superiore alla semplice presa in giro di un genere. C'è nella scrittura di Kay Cannon una qualità insurrezionale contro lo status quo che proviene dritta dalla miglior comicità al cinema. Le sue situazioni non sono ribaltate, il suo umorismo non viene dal rovesciare comicamente equilibri solitamente delicati o usuali (ad esempio l'uomo che si finge donna o il cantante in realtà stonato) ma dal ricreare situazioni e personaggi plausibili per pomparne fino all'inverosimile le caratteristiche grottesche. Questo Pitch perfect 2 riesce a farlo in ogni scena (alle volte è anche troppo), come se non esistesse nulla di sensato in quel che accade e come se ogni tentativo di fare qualsiasi cosa apparisse futile e destinato a portare solo più ridicolo ai personaggi.

1 commento:

Jax ha detto...

Questo proprio non me lo aspettavo.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.