2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

12.8.15

Come ti rovino le vacanze (Vacation, 2015)
di John Francis Daley e Jonathan M. Goldstein

Non ha nessun senso rifare oggi un seguito di National Lampoon's Vacation, non è l'epoca giusta, non è l'umorismo giusto, non è lo spirito sensato e soprattutto si tratta di un'idea (la paradossale vacanza di una famiglia) che si può realizzare ed è stata realizzata anche senza appellarsi a quel classico di John Hughes e Harold Ramis. Eppure nonostante tutto il pregiudizio negativo che una simile operazione si porta appresso e nonostante un inizio non certo brillante, Come ti rovino le vacanze è un film più che riuscito, si guadagna la stima e il rispetto lungo tutto il suo svolgimento con un'esecuzione impeccabile. John Francis Daley e Jonathan M. Goldstein (duo già dietro Come ammazzare il capo... e vivere felici) sono i veri vincitori di questa storia, capaci di trovare la quadratura di un cerchio che pareva irraddrizzabile.

Un padre completamente cretino decide di portare una famiglia con i consueti problemi interni (già esilaranti perchè il fratello piccolo maltratta il più grande come se il rapporto anagrafico fosse inverso) in un lungo viaggio in macchina fino al parco di divertimenti Walley World, poichè decenni prima suo padre aveva fatto la stessa cosa (ovvero la trama di National Lampoon's Vacation). Siamo quindi nella seconda generazione dei Griswold, in cui Rusty da figlio diventa padre e non è molto diverso dal suo di padre, che comparirà (interpretato sempre da Chevy Chase) in un clamoroso e bellissimo cameo. Nel viaggio come di consueto succedono molte cose, molti problemi, molte assurdità che non costituiscono mai il punto di arrivo di un discorso ma sono passaggi comici dell'universo di inadeguatezza descritto Daley e Goldstein, quello nel quale il protagonista sembra vivere in un mondo che non gli appartiene, di cui non conosce le regole e nel quale pare non essere cresciuto.

Seguendo la scia tracciata dal primo film, quella dell'accumulo di gag slapstick e di distruzione, vero motore di tutto il film, la storia procede come alimentata da un desiderio di morte degli sceneggiatori. Sempre più vicini all'annichilimento i Griswold passano con una grazia stupefacente da bagni nel letame al massacro di mucche (nella tenuta del cognato, esilarante partecipazione di Chris Hemsworth), da un'automobile incomprensibile fino agli insulti ai camionisti con un'indomita positività contagiosa. Addirittura Daley e Goldstein scrivono un piccolo segmento che si svolge all'università frequentata dalla madre di famiglia che massacra qualsiasi revisionismo vacanziero di genitori vs figli operato dai vari Un weekend da bamboccioni. Attraversando gli Stati Uniti non ammirano un paesaggio nè interagiscono con il paese, lo sfondo non importa (l'esatto opposto delle commedie italiane), il loro spostamento è un continuo accumulo di tensione distruttiva e forza comica fino all'incontro con "gli originali", i nonni Griswold. Eppure l'impresa più epica di Come ti rovino le vacanze sembra quella di essere riusciti a sposare un atteggiamento prelevato a forza dal 1983 con la comicità moderna, in un film che rifiuta di descrivere il contemporaneo e preferisce spiegare un altro cinema, quello di 30 anni fa, ad un pubblico che non ne sa niente.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.