2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

17.6.16

Angry Birds - Il film (Angry Birds, 2016)
di Clay Kaytis e Fergal Reilly

Alle volte l’esigenza di rispettare immagini, idee e nomenclature che vengono da altrove (in questo caso dal casual game Rovio intitolato “Uccelli Arrabbiati”) generano film dai temi assurdi ma anche freschi. La tanto vituperata e odiata “crisi delle idee”, che molto spesso non è assolutamente tale, quella che spinge il cinema a cercare remake, sequel o adattamenti di titoli già noti, genera spesso autentiche perle di stranezza.
Angry Birds - Il film, racconta di un uccello arrabbiato in un paese di uccelli che non volano (propedeutico al fatto che poi avrà un senso catapultarli come accade nel videogioco) che sono invece calmi. Lui è diverso perché è iracondo e questa diversità lo allontana dalla massa, lo rende diverso. Questa dell’alterità è una chiave fondamentale di tantissima animazione moderna, da Nemo (diverso perché dotato di una pinna piccola), al topo di Ratatouille (diverso perché più raffinato) a Po di Kung Fu Panda e via dicendo, l’unicità ti allontana da tutti, ti rende infelice benché, almeno nei cartoni, alla fine tu potrai dimostrare di essere migliore della media.

Ed è curioso che la necessità di adattare in film un videogame molto popolare abbia costretto gli sceneggiatori a inventare la storia in cui questo essere migliori passa per l’essere rabbioso o almeno saperlo essere quando serve. Difficilmente avremmo visto una storia simile, una che gira intorno al rapporto che esiste nella società tra il rispetto delle regole e la frustrazione individuale data dal non avere i medesimi criteri di valutazione degli altri. Rosso, si arrabbia perché lo fanno aspettare, perché gli altri sono fastidiosi, perché non gli piace la società in cui vive, non si trova bene, è rabbioso e questo lo isola. Sarà costretto a frequentare una specie di riunioni di autocoscienza di uccelli arrabbiati in cui conoscerà altri drop out come lui (Chuck, Bomb e Matilde, ovvero gli uccelli Giallo, Nero e Bianco) con cui formare poi la più classica delle “squadre scalcinate” che salveranno la comunità dagli immancabili maiali verdi rubauova (che poi sono il futuro della loro comunità).

Ci sono insomma moltissimi elementi particolari nascosti in una storia altresì molto canonica per quanto divertente. Angry Birds - Il film è insomma una parabola estremamente canonica contaminata di un umorismo efficace sebbene non sorprendente ma densa di sottotesti assolutamente inusuali dovuti alla sua ambientazione. Addirittura in questo cartone c’è il primo personaggio gay visto in un cartone animato che non è caratterizzato dal fatto di essere gay. Si tratta dell’uccello giallo Chuck, veloce e iperattivo, la cui omosessualità non è una caratteristica fondante del personaggio, una che ne giustifica la presenza nel film come sempre vediamo, ma un tratto della personalità come tanti altri. Può sembrare normale ma al cinema non lo è, figuriamoci in un cartone animato!

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.