2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

24.5.18

Mandy (id., 2018)
di Panos Cosmatos

QUINZAINE DES REALISATEURS
FESTIVAL DI CANNES
Diviso in due, con una prima parte densa di un delirio audiovisivo di colori, immaginario metal, sangue e musica elettronica e una seconda più consapevole, ironica e postmoderna, in cui quanto di accumulato fino a quel momento in fatto di austerità e rigore viene sciolto in una serie di risate e ammiccamenti tra il parodistico, il consapevole e il puro Nicolas Cage (genere di espressionismo a sé), Mandy vuole essere tutto: Lynch, Refn e Rodriguez.

Il film di Cosmatos inizia promettendo tantissimo con un bolso Cage che sega via alberi per lavoro e torna a casa in un elicottero che ha il design del furgoncino dell’A-Team, in sottofondo: Starless dei King Crimson. Arriva a casa da una moglie e la loro vita è così dolce e isolata nel bosco che già sappiamo sarà necessariamente sconvolta da una serie di mostri molto umani e poco diabolici, resi tali (scopriremo) da droghe modificate male e con dolo da uno spacciatore incattivito. Non è infatti l’originalità della spunto di vendetta il punto di questo revenge movie che guarda più a Valhalla Rising che ai classici del genere.

Il punto di Mandy è di mettere sullo schermo una sintesi fino ad ora mai così chiara e (a suo modo in fondo coerente) tra l’immaginario delle copertine metal, l’acciaio, il fuoco, il fumo rosso, il sangue, le urla, la disperazione, la droga, il rimosso nero, il gotico e le suggestioni demoniache o cristologiche andate però a male (la miglior definizione di quel che abbiamo visto nella prima metà la dà il protagonista nella seconda: “Jesus freaks”). Se a Refn, che questo territorio ha iniziato ad esplorarlo per primo, interessa solitamente la forza e la sua componente quasi armonica, la sua strana bellezza, a Panos Cosmatos sembra interessare invece una follia dai tratti extraterrestri e che invece è molto terrestre. Gli alieni e i mostri che in realtà sono molto terreni.

Costumi, maschere, scenografie, piramidi, capelli tinti di bianco e sacrifici umani. Più avanza la prima parte di Mandy più si fa forte l’impressione di assistere alla versione filmata dei testi di un album hard core anni ‘80 o ad un episodio particolarmente colorato e violento della quarta stagione di Twin Peaks. Non che il mix non riesca spesso e volentieri (una transizione dal volto dell’assassino a quello della vittima mentre questo parla, tocca un acme di centrata sovrapposizione che il resto del film non troverà più) ma con una seconda parte di tono opposto, che scherza e prende in giro tutto e tutti, arrivando anche a momenti che suonano più forzati in cui sembra che l’ironia e le strizzate d’occhio siano la ragion d’essere di tutto, il film non pare eterogeneo ma indeciso, perché è privo di armonia tra i due toni.

Vorrebbe un po’ tutto Mandy, essere cinema molto autoriale e rarefatto ma poi anche basso e d’exploitation, con Bill Duke che fornisce le armi e Nicolas Cage autorizzato a dare la parte più invasata di sé e capace di forgiarsi da sé nelle fiamme un’ascia dal design violentissimo, da usare senza pietà contro tutti per vendicarsi in un bagno di sangue, è veramente il caso di dirlo, infernale. Ma lo sforzo d’essere sia alto che basso sembra riuscito davvero poco e inficia anche le possibilità di far riuscire bene solo una delle due metà, perché le continue strizzate d’occhio di Cage suonano fasulle tanto quanto le frasi allucinate come: “Lo psicotico annega dove il mistico nuota” sciorinate nella speranza che allunghino la vita delle immagini.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.