2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

6.9.09

Campioni del mondo!

(estratto da un pezzo per MyMovies.it)
Li ha paragonati ad una bottega rinascimentale "dove intorno ad una mente ispiratrice si riuniscono e crescono diversi talenti", li ha voluti premiare con un Leone d'oro alla carriera per la prima volta collettivo e ha voluto che a consegnarlo fosse un altro pilastro dell'industria digitale del cinema, George Lucas. Marco Muller quest'anno con il riconoscimento alla Pixar ha sancito uno dei fenomeni più impressionanti e importanti della storia del cinema autoriale e commerciale. Un gruppo di registi, autori che partiti dalla totale indipendenza hanno realizzato qualcosa di totalmente nuovo con mezzi nuovi inanellando per più di 15 anni un successo dopo l'altro senza cedere mai, conquistando ogni volta i botteghini e la critica nella sua totalità. Mai nessuno così. La Pixar è il simbolo stesso della devastante potenza innovatrice e liberatrice che l'uso virtuoso della tecnologia (e cioè di nuovi strumenti) può portare.

Per l'occasione i leoni sono stati 5, come i pilastri dello studio. Uno grande per il creatore, John Lasseter, e 4 piccoli per Andrew Stanton, Brad Bird, Lee Unkrich e Pete Docter. E loro per ricambiare hanno portato le nuove versioni in 3D di Toy Story e Toy Story 2, più un'anteprima di Toy Story 3, il successo annunciato dell'anno prossimo.
E' stata una cerimonia di fronte alla quale nessun geek del cinema può trattenere le lacrime. George Lucas, l'autorità massima (anche oggi) nel campo del cinema digitale, lo scopritore delle qualità di John Lasseter e il primo finanziatore agli albori della Pixar, che racconta la storia di come abbia incontrato Lasseter, di come ne abbia intuito il potenziale ma non abbia avuto il coraggio di investirci in quel momento storico e di come abbia cercato qualcuno per lui, qualcuno che lo aiutasse e lo finanziasse.

Quel qualcuno fu Steve Jobs (e qui le lacrime del geek diventano inarrestabili), da poco estromesso dalla sua Apple e in cerca di nuove avventure, l'uomo che anche oggi è socio della società e che, a detta di molti insider, un po' ama metter bocca nei progetti ma che soprattutto ha saputo investire nella cosa più rivoluzionaria dai tempi di Guerre Stellari: il primo lungometraggio animato in computer grafica della storia del cinema. Uno sforzo produttivo immane (se proporzionato al budget e alle potenzialità della compagnia) aiutato e riconosciuto solo in extremis dalla Disney che acconsentì a distribuirlo.

Vedere George Lucas raccontare questo e consegnare quel Leono d'oro scalda il cuore di silicio e celluloide del geek cinematografico più di ogni altra cosa, perchè se nel cinema moderno vincono quasi sempre i grandi vecchi, o al massimo i giovani vecchi, la vittoria della Pixar è la vittoria del vivere moderno. Il riconoscimento della compagnia come fabbrica d'arte da una delle manifestazioni cinematografiche più importante e per certi versi "vecchia" del mondo, è una medaglietta sul petto di ogni uomo che crede che la tecnologia sia in ogni caso un'opportunità e mai una catena. Che le macchine non ci controlleranno come in Terminator ma che sono la nostra salvezza come in Wall-e.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.