2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.1.12

I migliori del 2011

Più ultimo degli ultimi. I miei 10 numeri 10, più alcune menzioni speciali al merito e al demerito.

1 Warrior di G. O’Connor
C’è voluto molto per decidere di mettere al primo posto questo film di sentimenti repressi, seconde occasioni, fratelli che non si parlano e commozione mescolata con arti marziali miste. Specie per farlo finire davanti a pellicole con molte più credenziali. Ma alla fine è l’unico film che sono andato a rivedere una seconda volta al cinema con gioia e che rivedrei ancora per piangere di nuovo.

2 Faust di A. Sokurov
Non solo è stato il più bel film visto al festival di Venezia, probabilmente è stato il miglior vincitore delle ultime 10 edizioni della mostra lagunare. Una delle opere più complesse, stratificate, audaci e contemporaneamente di una disarmante semplicità degli ultimi anni. Dal primo all’ultimo fotogramma uno dei rari esempi di unione di tradizionale e moderno, analogico e digitale. Il cinema al suo meglio.

3 Una Separazione di A. Farhadi
Sono anni che i film iraniani arrivano in occidente attraverso i festival e le case di distribuzione più coraggiose, eppure nessuno mai aveva convinto per davvero, nessun film aveva dato l’impressione che valesse la pena guardare cosa germogli nell filmografia dell’Iran. Una Separazione ha la sceneggiatura migliore vista negli ultimi anni e con il suo stile sobrio ma dalla ferma volontà, dimostra che il cinema è ancora in grado di appassionare con vicende umane che raccontano più di quello che mostrano.

4 Le Avventure di Tintin: il Segreto dell’Unicorno di S. Spielberg
Era da talmente tanto tempo che Spielberg lavorava a questo suo primo film d’animazione che anche i più tenaci non ne potevano più d’attendere, eppure il risultato ha pagato. Tintin è contemporaneamente qualcosa di mai visto prima e un ritorno alla forma migliore del regista di Indiana Jones. Un film che è pura maestria registica, un grande affresco impensabile per qualsiasi altro regista, in cui il racconto fluisce con un’azione che sembra non fermarsi mai, in un’impressione di impossibile unico piano sequenza in realtà frutto di mille tagli invisibili. Mostruoso.

5 Drive di N. W. Refn
Quando accade di vedere qualcosa di nuovo e diverso dal solito non ci si può che inchinare. Refn si è saputo mettere in mostra nel corso degli ultimi 20 anni con film buoni, ottimi e sorprendenti (ma anche con cadute di stile come Valhalla Rising). Drive incorpora quanto di diverso Refn ha da dire sulle storie di criminali violenti, e quanto di meglio ci arriva dalla tradizione in merito del cinema americano. Tutto il cinema americano da venire non potrà prescindere dalla storia del driver muto con il giubbotto dallo scorpione giallo.

The Tree Of Life di T. Malick
Odiatissimo da tanti e altrettanto amato da molti, l’ultimo film di Malick è uno dei più ambiziosi in assoluto, addirittura più audace (nella concezione) di 2001: Odissea Nello Spazio. Un’opera filosofica che non si maschera dietro nessuna trama o racconto ma che ha la forza di un linguaggio per immagini che va oltre le immagini stesse. C’è chi si è innervosito per tanto ermetismo e chi si è fatto avvolgere dalla magia di un film senza storia che ha in ogni piccolo bastoncino di legno lasciato cadere sulla strada un protagonista.

7 Il pezzo mancante di G. Piperno
Uno dei documentaristi italiani più interessanti affronta la famiglia Agnelli dal punto di vista più scomodo, parlando delle figure meno raccontate, quelle lasciate in ombra o addirittura nascoste dalla stessa famiglia. Ma il suo percorso non è lineare, come i migliori film di finzione anche Il Pezzo Mancante invece che mostrare cerca di suggerire quello che le immagini, le dichiarazioni e i fatti non possono dire esplicitamente ma lasciano intuire.

8 Il ragazzo con la bicicletta di J.L. e P. Dardenne
Nonostante le due Palme d’Oro vinte i Dardenne non hanno ancora il riconoscimento che meriterebbero. Nel 1996 con La promesse e poi con Rosetta nel 1999 hanno letteralmente cambiato il modo in cui si intende e si gira il cinema autoriale in Europa. E lo hanno cambiato per il meglio, inventando elementi di linguaggio e sintassi filmica, girando storie anticonvenzionali ed estremamente empatiche. Ora cercano di battere altre strade abbandonando il loro consueto pessimismo e il risultato è di nuovo un film unico, dalla forza ineludibile.

9 Monsters di G. Edwards
Uscito poco e male nel nostro paese questo piccolo grande film di fantascienza meritava miglior sorte. Instradato sul percorso aperto da District 9 (quello della fantascienza dalla decisa pregnanza politica), Monsters racconta di animali alieni giganteschi e dell’incapacità di accettare le differenze e i diritti di chi non è come noi. Come se non bastasse Monsters regala una delle immagini più politiche del 2011: un gigantesco muro al confine tra Stati Uniti e Messico per tenere fuori dagli USA le creature indesiderate.

10 I guardiani del destino di G. Nolfi
“Un clichè è ridicolo, mille commuovono” lo diceva Umberto Eco a proposito di Casablanca ma va bene anche per I Guardiani del Destino, film che guardando a Frank Capra ne aggiorna la poetica e l’ottimismo unendola all’attitudine geek di smontare i meccanismi e spiegare gli ingranaggi dietro qualsiasi fenomeno. Inoltre la classica storia d’amore combattuto e di lotta di un singolo contro il destino apparentemente scritto per lui, stavolta diventa una fuga reale trovando una passione e una soddisfazione che ci ricorda come le pellicole semplici possano essere straordinarie.


MENZIONI AL MERITO
Miglior film che sembra una cosa invece è un’altra: Super di J. Gunn
Miglior film italiano con tutti i crismi del cinema italiano: Scialla di F. Bruni
Miglior romanticheria sdolcinatissima: One Day di L. Schefrig
Miglior film di cazzotti e lagrime: Warrior di G. O’Connor
Miglior atteso ritorno ai fasti del passato: Le Avventure di Tintin - il Segreto dell’Unicorno di S. Spielberg
Miglior attore: Andy Serkis nell'Alba del Pianeta delle Scimmie di R. Wyatt
Miglior film che nessuno è andato a vedere (sbagliando!): Faust di A. Sokurov
Miglior film visto ad un festival ma di certo non uscito in Italia: Kotoko di S. Tsukamoto
Miglior film per nulla buonista: Bad Teacher di J. Kasdan
Miglior omaggio ai propri miti: Super 8 di J. J. Abrams
Miglior giubbotto: Drive di N. W. Refn
Miglior inseguimento: Drive di N. W. Refn
Miglior favola ottimistica e romantica all’americana: I guardiani del destino di G. Nolfi
Miglior film di fantascienza (quella vera): Monsters di G. Edwards
Miglior documentario: Il pezzo mancante di G. Piperno
Miglior film videoludico: Source Code di D. Jones
Miglior sorpresa imprevista: Limitless di N. Burger
Miglior horror spensierato: Piranha 3D di A. Aja
Miglior film che nessuno va a vedere solo per la sua nazionalità: Una Separazione di A. Farhadi
Miglior commedia in stile adolescenziale anni ‘80: Easy Girl di W. Gluck
Miglior film d’animazione: Rango di G. Verbinski
Miglior film con supereroe: The Green Hornet di M. Gondry
Miglior film con dinosauri: The Tree Of Life di T. Malick


MENZIONI AL DEMERITO
Peggior film dal costo inutilmente altissimo: Lo schiaccianoci 3D di A. Konchalovski
Film più sciatto: Breaking Dawn parte I di B. Condon ex aequo Matrimonio a Parigi di C. Risi
Peggior film per il quale già le aspettative erano bassissime: Box Office 3D di E. Greggio
Peggior 3D: Box Office 3D di E. Greggio
Peggior finale: la parata con Gina Lollobrigida di Box Office 3D di E. Greggio
Peggior remake: Conan the Barbarian 3D di M. Nispel
Peggior film mandato in vacca tutto nel finale: The Next Three Days di P. Haggis
Peggior film tratto da fumetto: Dylan Dog di K. Munroe ex aequo con Priest 3D di S.C. Stewart
Peggior film tipicamente italiano: Tutti al mare di M. Cerami
Peggior film italiano con attore americano strapagato: Manuale d’Amore 3 di G. Veronesi
Peggior film italiano senza se e senza ma: Un Altro Mondo di S. Muccino
Peggior film uscito in una copia che non vedrete mai: Penultimo Paesaggio di F. Ferraro
Film più supponente: L’amore che resta di G. Van Sant
Peggior titolazione all’italiana: Un poliziotto da Happy Hour (in originale The Guard) di J. M. Donagh
Peggior polpettone: Il principe del deserto di J. J. Annaud

15 commenti:

invenzionesenzafuturo ha detto...

e A simple life???


Lokki ha detto...

Pensa che della lista dei tuoi migliori numeri 10 dell'anno non ne ho visto uno. Eppure vado al cinema tutte le settimane..


gparker ha detto...

Lokki: A questo serve il blog! :)

invenzionesenzafuturo: ho messo solo quelli usciti in sala, e per quanto A simple life sia davvero un film fantastico, nella categoria "visti ai festival" ho dovuto mettere primo Kotoko che è poco più che fantastico.


Pietro Bianchi ha detto...

Manca un premio:
Peggior cosa successa agli appassionati di cinema: la fine di "Cellulite e Celluloide"... :(


vinz ha detto...

mi stupisce l'assenza di 'habemus papam' e 'la donna che canta' ma...ovviamente alle classifiche non si comanda! :-)


Giovanni Lembo ha detto...

Completamente d'accordo sul primo posto: WARRIOR è eccezionale e commovente.

D'accordo anche sullo Schiaccianoci: tremendo!


gparker ha detto...

Paolo: ci sono dei piani, forse si ritorna. Forse

Vinz: Habemus papam alla fine mi è rimasto davvero poco, mentre la donna che canta secondo me è una bufala.

Giovanni: Warrior forever


Jack Skellington ha detto...

E vabbè, sono l'unico in tutto l'universo a cui l'osannatissimo Drive non è sembrato nulla di che.
Ah no, c'è anche Paolino Mereghetti.


gparker ha detto...

Beh un po' si, siete gli unici. Io posso capire che tutte le lodi (spesso a sproposito) infastidiscano e gli diano l'aria del film sopravvalutato. Tipo The Artist.
Ma facendo un discorso che esula da tutto quel che è stato detto e ridetto e asciugando il film di tutta l'esaltazione che la visione di qualcosa di appasionante dà, secondo me continua a rimanere la forza di una visione cinematografica personale, diversa e piena di idee applicata ad una trama canonica (addirittura un remake fuori pista).
Al netto dei peana e dei talebani Drive rimane un film che ricorderemo a lungo


Pietro Bianchi ha detto...

@gparker: veramente sono Pietro e non Paolo (hai sbagliato apostolo)... :P
Comunque lieto di sentire che qualcosa si muove!


tony ha detto...

Quasi perfetto. Manca la categoria "miglior peggior film con però una scena indimenticabile".

Puoi aggiungermela qui?

Mi sono perso Drive, Faust e Warrior. Però il giacchetto di Drive è di scorpio rising, non so sarebbe da squalifica.


gparker ha detto...

Pietro: scusa, lapsus....

Tony: si la cosa è ufficiale
http://veryaware.com/2011/09/the-story-of-that-badass-scorpion-jacket-from-drive/
mentre per il miglior peggior film con una scena indimenticabile è Hannah, film pessimo con un inizio della madonna. I primi 5 minuti sono stupendi.


tony ha detto...

Ok.
Io avrei votato "melancholia", sempre per l'inizio. Un superfomento e poi solo orribile noia.


Il Cattivo ha detto...

La prima scelta è degnissima.
Un film grandioso.


gparker ha detto...

se volevo essere onesto non poteva che essere lui il primo


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.