2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.10.12

Taken - La vendetta (Taken 2, 2012)
di Olivier Megaton

PUBBLICATO SU 
C'è James Bond, c'è Jason Bourne e poi c'è Bryan Mills, il fratello più spiccio, diretto e burino. L'agente segreto dalle peripezie mondiali in ogni era del cinema ha raccontato la società, le sue paure riguardo il controllo e le ingerenze governative, i suoi status symbol e le sue tensioni geopolitiche. Bryan Mills non fa niente di tutto questo. Di certo non è sofisticato (nè intellettualmente, nè tecnicamente), non è portatore di nessuna novità, non è nemmeno una figura prettamente contemporanea, potrebbe esistere in ogni era e anzi se di qualcosa può dirsi portatore questo è senz'altro il "vecchio stile", la maniere forti di una volta e l'etica americana dell'outsider del sistema, che lotta per i propri interessi nella forma privatissima della famiglia.

Per tutti questi motivi, a cui si aggiunge il particolare per nulla trascurabile che Bryan Mills è interpretato da Liam Neeson, ad oggi 60enne, che probabilmente non sarebbe stato plausibile nella parte del superuomo duro e tutto d'un pezzo nemmeno a 30 anni, Taken è un piccolo gioiello imprevisto di assurdità.
L'imprevisto sta nel fatto che questo agente abbastanza burino, che agisce senza modernità in un mondo senza tempo, con una faccia e un fisico che non hanno nulla a che vedere con la minaccia che rappresenta, nelle mani di Luc Besson è diventato un instant cult dell'action movie spicciolo. Tanto da sorprendere tutti al box office e meritarsi un sequel. Insomma non l'hanno visto solo un manipolo di maniaci dell'action dallo spirito goliardico ma anche il pubblico orfano di Walker Texas Ranger e dei sani valori della famiglia e del proprio orticello difesi con le mani.

Figlie e mogli rapite come nemmeno nei film anni '80 di Schwarzenegger, trovate e soluzioni fuori da ogni logica (anche quelle flessibili del cinema d'azione) e un'invincibilità presentata senza nessuna enfasi o difficoltà, senza nessuna tensione o possibilità di errore, Bryan Mills è inarrestabile oltre ogni senso in film che non fanno nemmeno troppo per metterlo in difficoltà. Per spiegarci bene si tratta di film in cui Bryan Mills ordina alla figlia di segnalargli la sua presenza facendo esplodere delle granate in mezzo al centro abitato, così che lui ovunque sia capisca quanto è lontana. Il massimo del "diretto".
Stavolta è ad Instanbul, in una vacanza girata con i toni dell'idillio che non può durare. Alcuni sicari, la cui famiglia è stata massacrata da Mills stesso nel film precedente, vogliono vendicarsi e gli rapiscono la moglie. Lui non la prende bene e comincia il body count aiutato dalla figlia (che teneri).
Tutto si concluderà in letizia con il conseguimento della patente da parte di quest'ultima. Sul serio.

5 commenti:

Pietro Bianchi ha detto...

Non ci sono orfani di Walker Texas Ranger: le repliche continueranno all'infinito.... 8(


frankie666 ha detto...

Io chiaramente faccio parte del manipolo di di maniaci dell'action dallo spirito goliardico.


Gabriele Niola ha detto...

chissà che allegra brigata


Lokki ha detto...

appena visto al pc. non ho potuto resistsre e sono subito venuta qui a vedere se anche tu come me... ma dai ma che cos'è.. vale la pena vederlo solo per poi leggerti..sarà che non sono una w.t.rangeriana..


Gabriele Niola ha detto...

ma come ci sei finita a vederlo?? Questo è una cosa da campagnoli americani in vena di ricordi!
Un action movie davvero non rappresentativo del genere che invece sa essere intelligente e alto.

Questo è talmente ridicolo da sfiorare la genialità.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.