2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

23.5.13

Solo Dio perdona (Only God forgives, 2013)
di Nicolas Winding Refn

FESTIVAL DI CANNES
CONCORSO 

PUBBLICATO SU 
Nei due anni che hanno seguito l'arrivo di Drive il suo regista Nicolas Winding Refn, fino a quel momento passione per pochi, si è tramutato nel massimo oggetto del desiderio cinefilo, il danese che gira come gli americani ma con un salto intellettuale in più, il nuovo che avanza, l'autore intellettuale che piace al pubblico commerciale, il regista che tutti amano amare, il poster che tutti appendono in camera.
Culmine di tutto ciò è l'arrivo del suo nuovo film Solo Dio perdona, di nuovo con l'attore di Drive, di nuovo con un personaggio di poche parole, di nuovo violento, di nuovo colorato di un rosso e blu fluo, cosa che ha creato un livello spasmodico di attesa. Attesa che è destinata ad essere tradita perchè Solo Dio perdona non somiglia per nulla a Drive ma bensì a Valhalla Rising, film meno conosciuto e decisamente poco commerciale.

Tutto parte da una storia poliziesca, contaminata di moltissimi temi del cinema violento di serie B (notoriamente amato dal regista). Due fratelli appartenenti ad una famiglia mafiosa americana si sono trasferiti in Thailandia perchè uno dei due ha ucciso il padre e il film si apre con la morte di uno dei due, ucciso per aver ucciso a sua volta una donna. L'evento scatena l'arrivo a Bangkok della madre padrona, pronta a fare vendetta a tutto spiano, altamente insoddisfatta (come da sempre) del suo secondo genito. La vendetta è però più facile a dirsi che a farsi perchè un ex poliziotto armato di spada non si lascia uccidere facilmente e risponde per le rime.

Che la matrice originaria sia un film di serie B lo capiamo dai rumori di spade e spari, dal titolo (che sembra Dio perdona io no), dal tema della vendetta rielaborato e dai caratteri asiatici da exploitation che aprono il film. Tutto il resto invece (cioè il film vero e proprio) punta da un'altra parte. Solo Dio perdona è un cinema molto complesso che prende una forma (per l'appunto la serie B d'azione) e la priva di ogni orpello, gli leva ogni componente che non sia ciò che interessa al regista. Non sempre l'operazione riesce e spesso sembra sparare a vuoto, sembra di intuire che ci debba essere qualcosa di più che non si concretizza, tuttavia rimane un passo avanti rispetto alle vaghezze di Valhalla rising.
Via l'azione, via i dialoghi superflui, via il sentimentalismo, via qualsiasi evento non strettamente indispensabile. Solo Dio perdona è un film che indugia nelle proprie atmosfere, che con una fotografia pazzesca ricostruisce gli ambienti del cinema di serie B e, come in fermi immagine, per cogliere lo spirito di quel cinema senza averne la carne.

In più è un film che, sottratte come si diceva tutte le altre componenti, rimane a macerare sulla violenza, a questo punto fine a se stessa. Ognuno ha una motivazione per uccidere ma la girandola di vendette e omicidi è tale che ad un certo punto sembra uno showcase di efferatezza (quella sì, mostrata con creatività e in modo insistito). Come per Valhalla rising anche qui l'idea è cercare di cogliere la forza e la violenza pure, in tutto il loro terrore e la loro bellezza, ma diversamente da quel film in questo Refn sembra essere riuscito ad andare un pelo più avanti.
Il risultato, a questo punto è facile intuirlo, non è assolutamente un cinema per tutti ma un'opera per pochi, per amanti delle atmosfere rarefatte, dell'indugio sui primi piani e per chi cerca un cinema che batta percorsi alternativi.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.