2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.5.13

The snitch - L'infiltrato (The snitch, 2013)
di Ric Roman Waugh

PUBBLICATO SU 
Sulle orme di Bruce Willis, Arnold Schwarzenegger e altri attori che hanno detenuto per diversi anni la palma di action hero nazionali, Dwayne "The Rock" Johnson ha sempre alternato film d'azione canonici (quelli che ne dovevano disegnare l'immagine iconica di eroe del genere) a commedie per tutta la famiglia, rinnovando la "scoperta dell'acqua calda" per la quale una buona parte del pubblico del cinema d'azione più spiccio è anche il medesimo del cinema per famiglie.
Tuttavia mentre attori come Schwarzenegger sono passati alle commedie familiari in un periodo in cui il cinema d'azione che avevano contribuito a fondare stava scomparendo, The Rock da subito ha affiancato a film come Agente Smart e Cambio di gioco, altri come Corsa a Witch Mountain e A testa alta, ruoli simili a quello in Acchiappadenti ad altri simili a quello in Faster.

The Snitch non è una commedia, anzi è un dramma, ma cerca di allontanarsi (rimanendo comunque a distanza controllata) dal cinema d'azione, confezionando intorno a Dwayne Johnson una storia per famiglie in cui l'azione si ammorbidisce e diventa suspense. Il protagonista infatti è un uomo normale, incapace di menare, sparare o fare tutte quelle cose nelle quali gli action hero sono specializzati.
Insomma in The snitch Dwayne Johnson è un padre di famiglia preoccupato per il destino del figlio tanto da infiltrarsi nel cartello della droga. Per quanto paradossale possa sembrare la storia è tratta da un fatto di cronaca e Dwayne Johnson cerca davvero di sembrare l'uomo della porta accanto, il padre premuroso e impaurito, tenendo nascosti (inutilmente) i muscoli sotto golf, camicie e cappotti.

Il risultato è molto straniante. Troppo simile ad un film d'azione per ridefinire davvero la figura di The Rock (per essere cioè il suo Copland), ma anche troppo stridente nelle scene di inseguimenti e sparatorie in cui il protagonista sarebbe impacciato. Il risultato è un film davvero poco credibile e la colpa è proprio di Dwayne Johnson, incapace di modulare la sua recitazione. Il suo personaggio non trova mai quella via di mezzo tra la determinazione (che lo avvicina ad un eroe) e la fragilità (che lo avvicina ad un uomo), risultando una versione con il freno a mano dei suoi consueti personaggi.
Pensato per un pubblico conservatore e molto attaccato ai valori tradizionali (non si contano le volte che The Rock afferma di fare quel che sta facendo "per il figlio") ma promosso come un normale film d'azione, The snitch difficilmente soddisferà il primo tipo di pubblico, che probabilmente vorrebbe una figura più credibile, nè tantomeno il secondo, che da The Rock si aspetta una pioggia di cazzotti e pallottole e non espressioni inadeguate.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.