2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.9.13

Les Terrasses (Es-Stouh, 2013)
di Merzak Allouache

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

PUBBLICATO SU 
Diverse terrazze all'ultimo piano di diversi palazzi di Algeri. Zone differenti, persone differenti, problemi differenti, realtà differenti. Attraverso l'unione che il montaggio fa di luoghi differenti di una medesima città Allouache cerca di raccontare cosa ne sia di Algeri e quali contrasti la animino. Ci sono i poverelli che cercano di tirare a campare, la lesbica massacrata di botte, la band che prova, un uomo che riceve donne con problemi di vita sessuale sulla medesima terrazza in cui si allena un pugile, una regista che vuole riprendere vedute della città nel palazzo in cui un gangster sta torturando qualcuno. Tutto è affrontato superficialmente e scandito dalle varie preghiere della giornata diffuse dai minareti.

Curioso che abbia proprio il titolo di un film di Scola un'opera così vicina ai suoi difetti (non voglio pensare che davvero questo film si rifacesse a quell'altro, così diverso), cioè dotata di quell'irrimediabile tendenza a creare dei personaggi stereotipici e poco approfonditi che anche nelle svolte inattese si rivelano prevedibili, capaci al massimo di passare dall'essere uno stereotipo all'esserne un altro. Una visione come unione di diverse semplicità per disegnare uno scenario.
In Les Terrasses Una società raccontata per luoghi comuni dimostra solo che Algeri non è troppo diversa dalle altre città del mondo ma decisamente non interessa.

L'unico scarto e l'unico punto interessante del film è il modo in cui tutte le storie sembrano in un modo o nell'altro tendere verso la morte violenta. Il sopruso, il suicidio, la vendetta o anche solo la minaccia compaiono tutte verso la fine e paiono essere la regola che distrugge la quotidianità, la vera piaga di una società in apparenza normalissima ma sotto sotto attraversata da tensioni pronte ad esplodere.
Sia chiaro, non c'è sentore o anche solo odore di morte nel film, c'è semmai la sua presenza effettiva in molte delle chiuse, non quindi una sensazione generale data da una certa messa in scena ma un fatto di sceneggiatura.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.