2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

8.1.14

Il grande match (Grudge Match, 2013)
di Peter Segal

PUBBLICATO SU 
Forse il dettaglio principale da notare, quello che segna tutto il film e racconta meglio di ogni altro elemento la sconclusionata operazione, è che a dirigere questo dramma di boxe sia stato messo un regista di commedie, spesso demenziali.
L'idea di un incontro tra il vecchio Rocky e il vecchio Toro Scatenato, una rivincita fuori tempo massimo tra due attori che hanno interpretato personaggi dell'immaginario filmico della boxe, è già di per sè dotata di pochissimo senso e apparentemente impossibile. Il grande match riesce però ad essere ancora meno guardabile di quanto non si immagini, perchè alla fine non è nemmeno un film di boxe ma un film sulla rivincita degli anziani, genere sempre più florido negli ultimi anni.

Nonostante ottemperi a tutte le regole del film di boxe secondo Stallone (personaggi outsider, perdenti in attesa di rivincita che per il momento hanno rinunciato ad avere la seconda occasione che la storia gli dà, un contesto moderno che non li comprende, un mondo dei media che li sfrutta, un training montage e un incontro che a sorpresa lascia emergere più il cuore individuale della forza sportiva), Il grande match in realtà tradisce la sua vera natura nella parte finale. E' infatti nella maniera in cui si sceglie di chiudere la storia dei due grandi rivali di una volta che si reincontrano sul ring per soldi a svelare come il film sia un'operazione "non è mai troppo tardi" non diversa da Uomini di parola (in cui c'era già Alan Arkin) o Last Vegas (in cui c'era sempre De Niro) per come si rivolge ad un pubblico anziano riproponendogli i suoi miti, intenti a rimettere in scena ciò per cui sono noti, blandendo la terza età.
Giovanotti irrispettosi picchiati platealmente (contro ogni logica), ipotesi sulle difficoltà della terza età totalmente smentite tra una battuta di spirito e l'altra e il trionfo di una melassa familiare che contamina tutto fino a piegare la trama.

Eppure non è questa la parte peggiore di un film che, anche a prescindere dal genere cui appartiene, dal poco senso della sua storia e dalla sostanziale inutilità del trattamento (cosa vorrebbe significare tutta questa parabola!?!), è scritto molto male.
Dialoghi cretini, battute poco divertenti, personaggi prevedibili, un continuo giocare sull'immaginario fondato da altri film (specie Stallone fa avanti e indietro tra le immagini di Rocky) e soprattutto la pigrizia di risolvere ogni situazione senza nessuna cura per ambienti e inquadrature (non parliamo nemmeno delle scene di boxe), rendono l'esperienza di visione di Il grande match un incubo e contemporaneamente il tonfo produttivo più basso per la carriera di entrambi i protagonisti.
Rocky VI, che condivide molto con questo film (la trama è quasi una copia se non ci fosse in più il personaggio di De Niro), aveva un altro afflato e sembrava la sincera e amara metafora della vita di Stallone stesso, come se personaggio e suo creatore/attore procedessero di pari passo nel tentativo di ritornare a fare quello che facevano una volta, risultando in una grande celebrazione dell'icona stessa. Questo salvava e elevava moltissimo l'operazione. Il grande match chiaramente è totalmente privo di una simile forza muscolare e così rimane solo uno scheletro intirizzito.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.