2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.2.14

Monuments men (The monuments men, 2014)
di George Clooney

BERLINALE 64
CONCORSO

PUBBLICATO SU 
Accademici, studiosi, architetti, registi di musical e studenti d’arte, i 7 uomini che parteciparono realmente all’operazione Monuments men (nomignolo ampiamente preso in giro nel film), nonostante non più giovani in linea di massima, e di certo poco addestrati, si dividono per il vecchio continente alla ricerca delle opere più importanti, in uno sforzo che per alcuni è il riscatto di una vita. Non c’è dubbio sul fatto che George Clooney nella sua carriera da regista sia riuscito a farsi interprete del cinema migliore, anche se spesso con film non ottimi. Senza aver mai azzeccato il capolavoro ha elaborato ampi pezzi di storia americana con film tra il passato e il presente dotati dello spirito più adatto, il più civile e il più umano, senza inoltre risparmiare al suo paese aspre critiche. Ora con Monuments men invece non si fa remore nel celebrare quel che l’America ha fatto per il mondo e per la storia, contrapponendo con decisione quell’etica e quella morale ai deprecabili corrispettivi nazisti e comunisti (in questo, per esempio, Il treno di John Frankenheimer, che pure trattava lo stesso argomento, sapeva essere decisamente più sottile).

Con il medesimo tono dolce e amaro del suo sorriso da attore (tra tutte le sue espressioni la più distintiva), Clooney racconta una serie di “storie di guerra” incorniciate dall’essere state parte della vera operazione “monuments men” e unite dal filo rosso della ricerca di una madonna con bambino di Michelangelo. L’obiettivo è dare una risposta alla domanda che tutti pongono ai protagonisti dall’inizio alla fine: “Vale la pena rischiare vite umane per salvare un quadro o una cattedrale?”. Basterebbe lo sforzo estremo (e a tratti commovente) dei protagonisti, inadatti alla guerra, poco coraggiosi d’indole ma dotati di un rigido ordine di priorità in cima alle quali c’è l’arte, a rispondere che “Si, ne vale la pena!”, tuttavia Clooney ci tiene ad avere una chiusa didascalica, in cui pone di nuovo la domanda e gli fornisce una risposta effettiva. A parole. Un’espediente davvero da poco che ben simboleggia la poca cura che domina in tutto il film.

Perchè quel che affossa realmente Monuments men è il mancato equilibrio di farsa e dramma, serietà e facezie. E’ evidente come George Clooney avesse in mente un film nostalgico delle opere anni ‘60, con le musiche di Alexandre Desplat che usano fischiettii per condurre i temi e con un continuo sdrammatizzare la tragedia, ma l’impresa sembra superiore alle sue forze. Cercando di far sorridere a tutti i costi, Monuments men si mostra tutt’altro che sicuro di sè e tutt’altro che sofisticato nel proporre una visione di mondo e di cinema. Concepito con un tono generale di sfiducia e di senso di fallimento per almeno metà della sua durata (quando nessuno crede nell’impresa e a tutti pare importare unicamente dell’oro e della propria salvezza in barba a qualsiasi considerazione culturale), il film muta assieme ai primi ritrovamenti, virando verso le macchiette e una simpatia che non è per nulla sinonimo di sottile ironia ma più di goffo imbarazzo.

3 commenti:

jeff ha detto...

Scusami l'OT, ma mai come stavolta sono in attesa della tua rece sull'ultimo di Verdone-De Laurentiis :)


jeff ha detto...

Così, giusto perchè mi chiedevo com'è che non è ancora uscita :)


Gabriele Niola ha detto...

Eh perchè sono a berlino e ho perso la proiezione stampa. toccherà pagare per vederlo...


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.