2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.2.14

Una donna per amica (2014)
di Giovanni Veronesi

PUBBLICATO SU 
Giovanni Veronesi, come regista, è esploso definitivamente da quando ha cominciato a lavorare con la Filmauro di Aurelio De Laurentiis (Che ne sarà di noi?, 2004), per dieci anni è rimasto con il megaproduttore italiano, periodo nel quale ha realizzato alcuni tra i film peggiori che abbiamo potuto vedere (realizzando incassi pazzeschi). Nel 2013, non senza polemiche, se n'è andato e ha girato L'ultima ruota del carro con Fandango, film di tutt'altro afflato e tutt'altre ambizioni, lontano dagli standard Filmauro e riuscito ben più di quanto fosse lecito aspettarsi.
Adesso Una donna per amica (coprodotto da Warner Bros e Fandango) ritorna alle atmosfere che conosciamo di Veronesi, sebbene qualcosa di diverso rimanga: l'ambizione.

Il soggetto di Una donna per amica e molte delle scelte legate alla produzione rimandano ad un'idea giustamente spregiudicata di commerciabilità del film (prendere una star internazionale che per il nostro panorama è una forte novità come Laetitia Casta o anche scegliere il titolo di una canzone com'è uso) tuttavia il soggetto sembra cercare altro, qualcosa che invece la sceneggiatura fa di tutto per ostacolare.
La compattezza di L'ultima ruota del carro, quella in grado di compensare le molte cadute di stile del testo è assente, Una donna per amica è un film molto debole, in cui gli eventi sembrano palesarsi per animare momenti che rimangono sempre fini a stessi e autoconclusivi, mai per costruire un racconto vero e proprio o anche solo un'atmosfera peculiare, è insomma un film in cui le individualità vogliono contare più dell'insieme (esemplare il personaggio inutile, eccessivamente presente, eppure molto forte di Virginia Raffaele). C'è lo spogliarello di Laetitia Casta, la scena in cui si corre, quella in cui si ride, quella in cui i protagonisti si mostrano affiatati, un momento di romanticismo, la tensione sessuale e le gag di De Luigi ma mai che tutto questo scorra come non fosse unito da nessun gancio, come parte di un'insieme denso e dotato di qualità superiori alla somma delle singole parti.

Sarebbe, anzi è, da bocciare Una donna per amica, film svogliato che non diverte troppo nè commuove un poco, eppure non si può far finta di non notare la sua strana struttura. Brevissimo (solo 88 minuti) e fondato su uno svolgimento che di suo sarebbe ancora più corto e minuscolo non fosse allargato dalle partecipazioni della suddetta Virginia Raffaele, di Geppi Cucciari o Valeria Solarino con personaggi slegati dalla vera trama, in definitiva Una donna per amica racconta un piccolo evento cardinale nella vita dei due protagonisti e un attimo della loro vita 7 anni dopo quest'evento.
Non è un'idea da poco mettere in scena qualcosa di molto breve e molto piccolo che con un'ellisse temporale di 7 anni e anche la maniera in cui la trama si chiude non è quella che ci si aspetterebbe dalla carriera (con la Filmauro) di Giovanni Veronesi, ma ha più lo spirito del cinema francese. C'è nel finale un'indeterminatezza e una volontà di non chiudere alcun ragionamento preoccupandosi solo di un sentimentalismo reale (e non pretestuoso come sempre è nel nostro cinema di commedia), che non ci si aspetterebbe e forse proprio per questo fa in pochi secondi tutto quello che il resto del film non è stato in grado di fare.
Va detto che non è sufficiente a salvare questo consueto noioso disastro ma di certo conferma come Veronesi si stia battendo disperatamente contro la propria regia per scrivere e poi realizzare dei film migliori di quelli che ha fatto fino ad oggi.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.