2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

29.8.14

Tales (Gheesha, 2014)
di Rakhshan Banietemad

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

PUBBLICATO SU 
Che fine fanno i personaggi dei film e dei documentari quando si accendono le luci? Che ne è delle loro storie? Come proseguono? Cosa gli accade? Come vivono i nuovi sconvolgimenti sociali? A partire da queste domande Banietemad ha strutturato il suo Tales, racconto con molti personaggi (in stile staffetta, l'uno lascia il testimone all'altro uscendo dall'inquadratura quando ha finito il proprio segmento) tutti provenienti dalle sue opere precedenti, sia di finzione che documentarie. Il film è scritto in modo che tutto sia comprensibile anche per chi non ha visto i suddetti film e quindi non conosce già i personaggi, sebbene si avverta sempre la mancanza di un colpo nel battere il tempo.

Il film quindi cammina come uno zoppo, è una torta in cui un morso già è stato dato ed è indubbio che questo sia un elemento di fascino del racconto. Abbiamo l'impressione di entrare in storie in corso, di cui sappiamo poco ma quel che vediamo, il piccolo intreccio che ci viene proposto, è alle volte sufficientemente avvincente. In sostanza: ci si può appassionare a storie già iniziate senza averne il background? Vedendo Tales si dovrebbe rispondere "a volte". Non tutto infatti nel film è davvero convincente, non tutto quadra e gira per il verso giusto. Molto ricorda l'andamento di Una separazione (film fondamentale per il cinema iraniano già dopo pochi anni dalla sua uscita) e quel modo di tenere l'Iran sullo sfondo mettendo in contrasto i personaggi e molto come sempre gira intorno alle difficoltà di vivere e lavorare in un paese con una simile dittatura. Temi necessari, lo si comprende bene, ma che è difficile trattare con un occhio nuovo e rendere continuamente appassionanti.

Si potrebbe anche essere più duri con questo film che in certi punti mette davvero alla prova la sopportazione degli spettatori, mentre in altri sembra essere ad un passo dal convincere sul serio con le sue piccole bagatelle che nascondono un universo di sentimenti e relazioni non rivelate, ma il motivo per cui alla fine gli si vuole bene è l'ultimo segmento.
Un ragazzo e una ragazza in macchina, lui guida lei è dietro. Battibeccano su mille futilità, sembrano odiarsi con cortesia, si reggono poco ma si conoscono da tempo e lei in particolare lo provoca su tutto con grande acidità fino a che non viene rivelata una motivazione sentimentale alla base di tutto e da lì ancora un paio di colpi di scena svelano una dolcezza che commuove in meno di 10 minuti. Senza questa chiusa non avrebbe meritato l'applauso.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.