2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

5.9.14

Pasolini (2014)
di Abel Ferrara

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

PUBBLICATO SU 
L'impresa era folle di suo ma proprio per questo affidata ad Abel Ferrara poteva scatenare una vitalità incontenibile, di quelle tipiche del regista italoamericano, vicinissime alla morte eppure forse proprio per questo indomabili. Invece Pasolini è un biografico nello stile contemporaneo, che non racconta tutta una vita ma cerca di fare una sineddoche prendendo un piccolo momento (l'ultima giornata di vita) per raccontare un intero personaggio. In più Ferrara ricostruisce alcune scene del film che Pasolini aveva in mente usando Ninetto Davoli nel ruolo che sarebbe andato a Eduardo De Filippo e Riccardo Scamarcio in quello che sarebbe andato a Davoli.

Fin dall'inizio ci sono delle scelte stranianti che si rivelano inaspettatamente vincenti: a cominciare dall'ambientazione tra moderno e passato, con vestiti, giornali, oggetti e dettagli d'epoca ma sfondi e città moderna (cioè il paesaggio) per finire con la lingua parlata, un misto di italiano e inglese in cui sembra che ogni attore usi la propria (il che significa che Willem Dafoe parla più che altro inglese e ogni tanto il suo italiano con accento americano). É il Ferrara migliore, quello che se ne frega di tutto, che segue quel che gli interessa e non teme di piegare le consuetudini del cinema, difatti sono le cose che funzionano di più e creano un ambiente unico.

Purtroppo però la maggior parte del film è fatta dal Ferrara peggiore, quello degli ultimi anni che invece alle convenzioni di un cinema di rapida fattura e ordinaria costruzione vuole sempre rispondere. Pasolini vaga per i suoi 30 minuti di durata come un viaggio (non era diverso in fondo Mary), un continuo spostarsi e avvicinarsi al momento della morte. Ma in questi spostamenti Ferrara segue il suo protagonista come un entomologo, annotando quel che accade e guardandolo arrivare alla spiaggia senza fare nulla, senza muovere un passo o smuovere un cuore, senza avere uno sguardo sugli eventi che suggerisca qualcosa di più di quel che vediamo.
Totalmente vittima e soggetto al personaggio quando il film racconta Pasolini lo fa solo attraverso le sue parole oppure la ricostruzione delle scene del film mai realizzato (totalmente folle perchè girate senza stile e senza voglia, senza imitare per fortuna ma anche senza creare), mai attraverso Abel Ferrara.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.