2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.9.14

The protector 2 (Tom Yum Goong 2, 2014)
di Prachya Pinkaew

PUBBLICATO SU 
Finalmente Tony Jaa è tornato con Prachya Pinkaew, il regista e soggettista del suo folgorante esordio, Ong Bak, e del subito seguente The Protector. Dopo quei film l'artista marziale tailandese aveva deciso di prendere le redini delle proprie opere passando alla regia degli stessi con i disastrosi esiti di Ong Bak 2 e 3. The protector 2 invece riprende il discorso interrotto 10 anni fa con i medesimi personaggi e la medesima idea di azione figlia del cinema di Hong Kong ma con un che di artigianale e paesano in più. Il dettaglio invece che infastidire ha un che di autentico, come lo stile di Jaa, fluido e atletico.

Per l'occasione il villain, rigorosamente occidentale come il canone della serie impone, lo interpreta RZA (finalmente entrato nel cinema d'arti marziali che ha sempre idolatrato) mentre la controparte marziale (quello con cui in sostanza Jaa se le dà) è Marrese Crump, anche lui parte dell'avventura di L'uomo dai pugni di ferro.
Il risultato è un film duro e puro, tutto gomiti, ginocchiate e voli da ponti e palazzi, che riduce al minimo la parte di intreccio, anche più del primo episodio (basti sapere che il consueto elefante è stato rapito e sarà usato per un attentato se Tony non si sbriga a menare tutti e riprenderlo, in questo senso è stupenda la battuta dell'insostituibile Petchtai Wongkamlao: "Te lo sei perso di nuovo? Ma mica è un gattino!?"). Al contrario ad essere esaltati sono gli stunt e le coreografie, audaci e creative. Non solo infatti ci sono due gemelle (che non sono gemelle nella vita) formidabili ma anche Yayaying Rhatha Phongam a costituire un diversivo non banale.

Certo il cuore di tutto è e rimane Tony Jaa e la sua capacità di fare cose fuori dal normale per davvero, dalle entrate in inquadratura con ginocchiate volanti fino alle evoluzioni aeree riprese rigorosamente al ralenti. Gli effetti speciali dozzinali infatti esaltano il realismo delle scene che non ne fanno uso. C'è un clamoroso inseguito in moto (1 contro 1000) e un creativissimo incontro nella metropolitana che coniugano rapidità, armonia, forza e dinamismo come non vedevamo da tempo.
Il cinema d'arti marziali tailandese inizia e finisce con Tony Jaa, se anche lui ci abbandona è finita.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.