2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

19.10.14

Fango e gloria - La grande guerra (2014)
di Leonardo Tiberi

PUBBLICATO SU 
Fango e gloria rientra nelle operazioni messe in piedi per il centenario della prima guerra mondiale, puro cinema istituzionale realizzato con fondi e collaborazione di molti diversi apparati statali (su cui spiccano RAI e Luce), tutto nelle mani di Leonardo Tiberi che ha deciso di strutturare il film in due parti diverse incrociate e intrecciate. Una è quella puramente finzionale, che segue un ragazzo i cui sogni, le cui aspirazioni e la cui vita sentimentale è interrotta dalla chiamata alle armi e dalla partenza per il fronte dal quale scrive, dal quale ritorna a tratti e sul quale (lo vediamo fin dall'inizio) in definitiva morirà. L'altra è formata dai filmati di repertorio colorati e narrati con la voce fuoricampo dello stesso protagonista (Eugenio Franceschini).

Mentre la prima parte è molto canonica e ripiegata su standard di fotografia e raffinatezza di scrittura di sicuro impatto sui dirigenti che hanno approvato e supervisionato il progetto (ovvero quelli delle prime serate di Rai Uno), la seconda è decisamente più audace. Non solo la colorazione dei filmati in bianco e nero non stona per nulla (per quanto cercare un po' più di somiglianza tra quel tipo d'immagine e la fotografia delle parti dal vero sarebbe stato un colpo micidiale e il sapore dell'occasione mancata rimane!) ma la selezione delle immagini e la maniera in cui dialogano con le parti di finzione non è niente male davvero!

Il cinema italiano ha un cattivissimo rapporto con le immagini di repertorio, solo eccezioni come Vincere sono riusciti a contraddire quest'infausta tradizione. Fango e gloria sembra quindi ridestare un gigante dormiente, trova la poesia in quel che in teoria poesia non avrebbe, riesce a mettere in scena il realismo e si prende addirittura la briga di una metariflessione con il protagonista che indica quel che vede nelle immagini.
Certo, il tono di tutto il film è degno del libro Cuore, un trionfalismo nazionalista che tace sugli insuccessi e celebra qualsiasi successo con un'epica senza senso, che spaccia azioni velleitarie e di propaganda per "vittorie della fantasia", che esalta i valorosi caduti di battaglie perse e si commuove su quelle vinte. Ogni apparato statale è encomiabile e anche la comparsa dei monarchi è segno di solennità, tuttavia sarebbe ingiusto non riconoscere in questa macchina da repertorio un gusto retro e una sapienza di montaggio poco comuni.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.