2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.2.15

Knight of cups (id., 2015)
di Terrence Malick

CONCORSO
BERLINALE

PUBBLICATO SU  
The tree of life, To the wonder e Knight of cups sono il medesimo film. 
Lo stile di Malick è mutato molto nei 20 anni di iato creativo, quando è tornato con La sottile linea rossa non era più quello di I giorni del cielo, era più radicale nella maniera in cui racconta le sue storie. Già nei primi due film dal ritorno ha cominciato a raccontare sempre meno e con gli ultimi tre lungometraggi, realizzati a breve distanza gli uni dagli altri (considerati i suoi tempi), è arrivato a distruggere il racconto canonico. 
Lo stile è diventato quello della voce fuoricampo (già presente ma ora determinante) che come il narratore di un romanzo getta le basi logiche mentre le immagini lavorano con lei, in armonia e mai in contrasto. I suoi ultimi tre film, sono insomma la medesima storia, quella della fatica del vivere sulla Terra, dell'essere spiriti dentro corpi, di non riuscire a dare pieno sfogo a quello che si ha dentro e della lotta per riuscirci.

Ci sono delle opposizioni logiche in queste "storie": la grazia e la bestialità di Tree of life; la passione e l'amore di To the wonder; il desiderio di essere qualcosa di diverso, di più e la difficoltà nel mettere in pratica tali propositi in Knight of cups. L'aspirazione dell'attore Christian Bale è quella di staccarsi dalla superficialità della quale si è ampiamente stufato e che vive come una cappa, ci prova con diverse storie d'amore, ma le diverse donne della sua vita sono tutti tentativi di migliorare che falliscono. La ragazza, Imogen Poots, l'infermiera adulta e più matura (intellettualmente) di lui, Cate Blanchett, la delicata donna di un altro, Natalie Portman, e poi alla fine una bionda eterea che non vediamo mai bene in volto.
Tutto è narrato con la consueta decostruzione temporale. Non c'è uno scorrere lineare dei fatti, solo alcune fasi che portano il nome delle carte dei tarocchi, momenti che le immagini montano uno accanto all'altro momenti tra presente e infanzia del protagonista. Nemmeno le diverse storie è detto che si siano susseguite come le vediamo. Non c'è più nessuna logica tradizionale, solo una ricerca guidata dalle voci fuoricampo.

Alla stessa maniera il repertorio visivo che Malick mette in piedi per questo film, sempre assieme al direttore della fotografia che lo segue da The new world - Il nuovo mondo, Emmanuel Lubetzki, prosegue il lavoro dei precedenti. Ad essere fuse sono da una parte la maniera incredibile in cui già in Tree of life la luce del sole sembrava la sola protagonista e il resto degli elementi inquadrati (esseri umani inclusi) puro arredamento per il suo esistere (c'è mai stato qualcuno così in grado di filmare la luce? C'è mai stato un simile Edward Hopper del cinema?), e dall'altra le romanticherie da spiaggia di To the wonder, il ruolo delle distese d'acqua virate sul blu assieme alle camminate dei protagonisti. 
In più c'è Los Angeles, non più luoghi naturali ma la città, l'asfalto delle sue superstrade, il terrore dei terremoti, la lussuria delle feste e le tentazioni della metropoli che oscura quello che sarebbe stato un paesaggio naturale ("Che tutto sia possibile lo si capisce dalle palme" viene detto ad un certo punto).

È un cinema molto complesso e di un'ambizione sconfinata, quasi commovente nel suo voler realmente tentare di colmare lo spazio che esiste tra ogni singolo spettatore e la sua spiritualità, l'affermazione dell'evidente esistenza di qualcosa di più del terreno, a cui Malick crede o semplicemente si rifiuta di non credere.
Contrariamente a To the wonder, ma in maniera minore rispetto a The tree of life, stavolta dal grandissimo lavoro di montaggio (come sempre portato avanti dal regista e una squadra di montatori) emerge qualcosa di più che sole suggestioni. Il muto personaggio di Bale che guarda le donne della sua vita muoversi intorno a lui mentre cerca una vita migliore, magari con loro, è il condimento di una serie di paesaggi (in interno come in esterno) che centrano più volte la ricerca del trascendentale nella nostra realtà materiale. Se la spiritualità non alberga dentro di noi, di sicuro è fuori, nel resto del mondo che ci circonda. O per lo meno in quell'incredibile luce.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.