2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.2.15

Woman in gold (id., 2015)
di Simon Curtis

BERLINALE SPECIAL
BERLINALE

PUBBLICATO SU  
Bisogna stare sempre attenti quando si maneggiano i nazisti. Nemici del mondo per antonomasia (e non certo senza più d'un buon motivo), al cinema diventano il male per eccellenza, lo strumento più semplice per accattivarsi la benevolenza del pubblico e l'aura di impegno. Woman in gold è un perfetto esempio di abuso di nazismo per i propri fini.
La storia è quella vera di Maria Altmann, ebrea fuggita da Vienna poco dopo l'arrivo dei tedeschi all'alba della seconda guerra mondiale, la sua famiglia era molto ricca e tra i diversi quadri che possedeva ne vantava uno di Klimt che fu sequestrato dalle SS e poi tenuto nei propri musei dallo stato austriaco. Decenni dopo, vista l'apertura dell'Austria alla restituzione delle opere d'arte rubate, Maria Altmann decide di volersi riprendere quello che è suo per ottenere giustizia da chi ha massacrato e umiliato la sua famiglia, ma scopre che non è così facile.

Simon Curtis si pone chiaramente contro il governo austriaco in questa storia. Senza esitazioni e pretende che lo faccia anche lo spettatore, così non si vergogna di replicare lo schema di gran successo di Philomena (simpatica vecchietta con scarsa competenza e riluttante esperto più giovane da conquistare) senza la verve di Steve Coogan. Woman in gold oscilla tra le angherie giurisprudenziali del presente e quelle del passato con croce uncinata ai danni di Maria Altmann, che invece è la più amabile e dolce delle determinate vecchine. Mette in scena un protagonista dal cuore d'oro, un underdog in cerca di riscatto a cui nessuno dà una buona occasione e a supportarli mette i valori di libertà e tolleranza statunitensi (il paese che ha accolto Maria Altmann). Non c'è insomma timore di esagerare in questo film, pronto a tutto per assicurarsi una lacrima dello spettatore e la sua incondizionata adesione sentimentale ad una parabola indiscutibile.

Prendendo il nemico per eccellenza (i nazisti) Curtis entra in un terreno spinoso, quello del cinema che azzera ogni complessità. Ogni qualvolta ci sono di mezzo le SS i film diventano a senso unico (come potrebbe essere altrimenti?), ai protagonisti viene concesso tutto sull'onda del giustamente inesauribile senso di giustizia contro gli orrori della Germania della prima metà del novecento e a perdere è come sempre il cinema, che si ritrova dei villain da operetta, sempre più ridicoli nel loro essere pura malvagità.
Il nazismo è una cosa seria, forse tra le più difficili in assoluto da filmare, perchè gli orrori reali se ripresi per quello che sono sembrano subito irreali, finti, esagerati, serve una comprensione umana profondissima per mettere in scena quegli abissi. Woman in gold non ce l'ha nè gli interessa averla, vuole solo un nemico indiscutibile contro cui scatenare il pubblico per averlo dalla sua mentre scorre un film senza qualità. E lo trova.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.