2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

3.4.15

La scelta (2015)
di Michele Placido

PUBBLICATO SU  
Il drammatico proprio non si addice a Michele Placido. A suo agio nelle atmosfere poliziesche e inventivo quando si tratta di raccontare la vita criminale, sembra invece fuori posto quando affronta le storie sentimentali. Se il genere lo esalta, il drammatico è per lui un terreno colmo di trappole in cui cade regolarmente.
In La scelta c'è uno stupro (rigorosamente fuoricampo) che cambia l'equilibrio della coppia protagonista. Cercavano di avere figli da tempo e senza successo mentre ora, avvenuta la violenza, lei è incinta e forse appositamente solo pochi giorni dopo la violenza ha insistito per fare sesso, così che la paternità sia incerta. Decisa a non sporgere denuncia e cancellare l'evento violento dalla sua vita lei, determinato ad affrontare la questione e a non avere il figlio di un altro lui, si scontrano mettendo a repentaglio la loro unione.

La scelta ha un tono difficile da sostenere, quello delle difficoltà comunicative e dei personaggi che non vogliono parlarsi, mantengono lunghi silenzi, scappano o si rifiutano di spiegare le motivazioni dei loro gesti quando gli viene chiesto. Tono difficile sia da scrivere, sia da recitare ed in entrambe le dimensioni il film non eccelle, perchè non mette mai lo spettatore nella condizione di voler comprendere ciò che accade ma anzi gli propone in diversi casi situazioni facili da respingere. Invece che risvegliare fantasmi interiori, paure ancestrali e scatenare l'adesione alle difficoltà di una scelta che dovrebbe avere pro e contro, il film di Michele Placido è il primo a non riuscire a spiegarsi, a tratti facendo agire i suoi protagonisti come bambini viziati, a tratti come sofferenti sordomuti.

In anni in cui il cinema d'autore internazionale ha indagato con grande perizia e intelligenza la possibilità di stabilire con il pubblico un rapporto di incertezza, mostrandogli con uguale efficacia i due rovesci della medaglia narrata (Una separazione è stato il capofila ma abbiamo visto molti altri film su questa scia), La scelta sembra un'opera vecchissima, lontana dal linguaggio moderno e arroccata su presupposti ormai superati. Spesso teatrale nella recitazione (la provenienza effettivamente teatrale della storia, da L'innesto di Pirandello, non può essere una scusa, siamo comunque al cinema!) e altre volte eccessivamente fiducioso nella propria capacità di coinvolgere La scelta è un film respingente che rischia di generare fastidio più che adesione.

2 commenti:

Lokki ha detto...

che peccato.. mi intrigava.. non vado??


Gabriele Niola ha detto...

Secondo me a sto punto menglio NEssuno si salva da solo. QUesto rischia di essere così così nella migliore delle ipotesi e irritante nella peggiore, cioè se lo prendi di traverso


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.