2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

16.10.15

Maze runner - La fuga (Maze runner: the scorch trails, 2015)
di Wes Ball

C'era qualcosa di misterioso e calamitante in Maze Runner - Il labirinto, la maniera in cui gettava le basi per un mondo più grande senza mai raccontarlo dava un afflato potente alla storia di un gruppo di ragazzi intrappolati non si sa perchè in un gigantesco labirinto potenzialmente mortale. Il film poi aveva anche il coraggio di finire senza svelare le proprie carte, cosa che invece il seguito, La fuga, è costretto a fare e sebbene cerchi di allontanare quanto più possibile quel momento alla fine scopriamo cosa è, questa volta, a costringere dei ragazzi a diventare soldati, a contrapporsi al sistema e a morire.
Ed era lecito aspettarsi di più.

Perchè lo svelamento del motore dietro le disavventure dei protagonisti di questa serie di film (e ovviamente prima di libri) di fantascienza young adult scoperchia un vaso più grande, quello della forma. Maze runner - Il labirinto, con i suoi misteri e le sue stranezze, la sua voglia di non dire niente e tenere lo spettatore all'oscuro tanto quanto i personaggi, riusciva a dissimulare i propri problemi, gli stessi che La fuga invece non riesce a mettere sotto il tappeto.
Determinato ad essere un film di grande azione senza avere un'idea chiara di come rendere appassionanti e vitali le moltissime corse in cui sono coinvolti i personaggi (quasi un'ossessione), centrato su caratteri maschili ma incapace di rendere il loro mondo, la loro visione delle cose alla stessa maniera in cui ci riescono gli equivalenti femminili (Divergent, Hunger games, Città d'ossa, Beautiful creatures...) e infine terribilmente ricalcato su modelli precedenti, Maze runner perde tutto l'interesse in 130 minuti.

Ci sono dei ribelli, un sistema, la resistenza, le città distrutte.... Tutto lo scenario che possiamo immaginare più una motivazione per l'apocalisse che va anche oltre il concetto di "abusata", quel che manca però è un colpo d'anca che riesca a rendere quest'ambientazione (di nuovo) interessante. Va bene quella visione di futuro (per quanto abbastanza generica), vanno bene le dinamiche da surviving movie, va bene tutto, davvero, perchè in questi film non è certo l'originalità dello scenario a fare la differenza ma la maniera in cui viene interpretato per un pubblico diverso e per un fine diverso, non più un discorso universale e umanista (come fa la fantascienza classica) ma uno particolare e giovanilista, un punto di vista sul mondo da chi è nato tra i 15 e i 20 anni fa. Tutto questo non c'è, Maze Runner - La fuga espone il peggio di questa saga e spegne gli entusiasmi in un trionfo di consuetudini e clichè.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.