2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

4.4.16

13 hours: the secret soldiers of Benghazi (id., 2015)
di Michael Bay

C’era da aspettarsi un trionfo di enfasi patriottica dal regista di Pearl Harbour che affronta i fatti di Benghazi, ma 13 hours sembra proprio essere nato sotto un’altra luce e del resto presenta un altro Micheal Bay.
In questa storia, di suo già molto cinematografica, fatta di sole due sequenze di azione ma molto lunghe (praticamente tutto il secondo tempo), fatta di due assedi e di una missione disperata, a Bay non interessa il rapporto dell’America con il mondo, non interessa la malvagità dei cattivi ma solo l’eroismo di alcuni uomini. Dove si annida l’eroismo oggi? In un mondo in cui la guerra è diversa e i conflitti sono diversi, chi sono gli eroi? A sorpresa per 13 hours non si trovano nell’esercito o nell’establishment ma sono i mercenari, ovvero i contractor, persone pagate per fare la guerra eppure, dal punto di vista di Bay, gli ultimi tenutari di un codice militaresco più grande di loro.

Contro tutti e contro tutto i componenti del team G.R.S. cercheranno di portare a casa la pelle, con un interesse solo professionale alla missione quindi senza piangere eccessivamente la morte di un ambasciatore americano (una volta sarebbe stata una tragedia) ma disperati per la morte di uno di loro. Ignoreranno ordini superiori della CIA per salvarsi a vicenda o salvare i propri simili (un’altra squadra di contractor) e come sì conviene al cinema compieranno un’impresa incredibile con il cuore degli eroi, cioè con uno spirito indomito e nessuna paura.
È evidente che siamo di fronte al trionfo della retorica, ma nel portare avanti questa retorica con uno stile davvero asciutto (per i suoi standard!), senza star o volti noti ma con una serie di seconde linee a fare l’everyman americano (sempre con famiglia a carico che attende via Skype il ritorno), Michael Bay trova quell’umanesimo che il suo cinema spesso trascura.

Semplicissimo nella scrittura, elementare nelle relazioni e basilare nella componente umana, il semplicismo dei suoi personaggi una volta tanto prende il proscenio. Il suo filmare è sempre più raffinato, sempre più tecnico e inesorabile (addirittura privato della magnificenza cui ci ha abituato emerge ancora di più la sua bravura nel narrare l’azione e la storia insieme) e qui sì arricchisce di una grande idea drammaturgica, cioè di un caos indotto dall’impossibilità di comprendere chi dei locali stia con gli americani e chi no. Con questo dettaglio il film getta una luce interessante e non stereotipata su un mondo (quello dove è ambientato il film) in cui tutti sì conoscono, buoni e cattivi, tutti sembrano essere uguali e accanto alla tragedia umana qualcuno guarda una partita di calcio sereno. È un inferno privo di senso che rimanda ad Apocalypse Now! e a quel tipo di stupore di fronte ad una violenza che è sconociuta e incomprensibile non tanto sentimentalmente quanto proprio logicamente.
In aggiunta è così umano è questa volta Bay da non guardare mai i libici come il male e da lasciare che anche tutti i morti che si sono opposti agli eroi vengano pianti dai loro cari, donando loro l’umanità che meritano anche se dalla parte opposta della barricata.

Certo non siamo dalle parti di una messa in questione del problema, 13 hours non è proprio quel tipo di film, rifiuta ogni costruzione intellettuale e parla alla pancia. Se su materie simili in tempi recenti uno come Clint Eastwood si è chiesto che ne sia di tutta questa violenza una volta tornati a casa (e paradossalmente, in un altro mondo, Jacques Audiard si è fatto la stessa domanda con Dheepan), Bay non si pone simili domande, per lui la violenza non è un problema nè si chiede che effetto abbia tutto ciò o se sia giusto. 13 hours è prima di tutto un film celebrativo, ma uno che la sua celebrazione la perpetra attraverso attraverso un film impeccabile e con una potente messa in discussione del sistema, puntando il dito verso il proprio paese (e un’amministrazione non casualmente democratica) per esaltare degli uomini, eroi per quello che sono e quel che hanno fatto e mai perché specchio dell’etica e dello spirito americano. E questa è una novità.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.