2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

21.5.16

The Last Face (id., 2016)
di Sean Penn

CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES
C'è veramente un problema di priorità in Last Face uno da cui discendono tutti gli altri di quest'opera disastrosa. Nel raccontare una storia d'amore funestata che nasce e si alimenta nel cuore di uno dei moltissimi conflitti armati che massacrano l'Africa, Sean Penn intende mostrare l'orrore di quella guerra ma nel suo film il dramma non sono i morti o la condizione degli africani, ma la sofferenza di due bianchi, ricchi, belli e privilegiati di fronte a quella tragedia.

Puro colonialismo filmico lo si potrebbe definire, inserendo due esseri umani esterni al conflitto, facendone le bandiere della bontà occidentale, gli angeli di un'impresa che pare futile anche a loro ma lo stesso necessaria, Sean Penn fa slittare il problema dalle vittime a chi le vittime le guarda e tenta di aiutarle. Come se non bastasse i discorsi pomposi sull'amore, le banalità spinte sullo starsi vicini guadagnano sempre più centralità levandola allo sfondo ingombrante di bambini soldati, morti e arti maciullati. Nel film ci sono entrambe le cose ma le prime sovrastano in "drammaticità" le seconde.

Come in una grande serata di gala, in cui persone esterne a qualsiasi conflitto, ben vestite, truccate e agghindate, sedute a tavoli imbanditi mangiano ottimo cibo raccogliendo fondi per cause umanitarie, alla stessa maniera questo film getta una luce su quelle tragedie. È tutto corretto ma il punto di vista sembra sbagliato, il centro di tutto l'evento non pare essere davvero la questione più importante.
Eppure solo 10 anni fa Sean Penn era riuscito a raccontare senza retorica e senza boria la storia di Alexander Supertramp in Into the wild, si era messo nella posizione migliore per mostrare sia le luci che le molte ombre, qui invece gli interessa solo il suo amore frastornato in un ambiente difficile, ma difficile per i suoi protagonisti!

Per questo vedendo le paturnie e i turbamenti di Javier Bardem e Charlize Theron che dopo aver fatto l'amore si svegliano, splendidi, tra le lenzuola pulite della loro branda in un campo medico in mezzo ai morti e si guardano con intensità perché il loro è un amore difficile, si prova un senso montante di fastidio per l'assurda pretesa del film di essere significativo, umano e dalla parte di chi soffre. The Last Face è come un padrone magnanimo che dalla sua tenuta guarda i suoi giardinieri di colore faticare a tirare a campare e si commuove dietro le tende bianche, pensando più al proprio dolore che al loro.

2 commenti:

Astarte ha detto...

Insomma, mi stai dicendo che Penn-Bardem-Theron è peggio di Fuqua-Willis-Bellucci?


Gabriele Niola ha detto...

molto peggio


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.