2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

25.8.16

Paradise Beach: Dentro L'incubo (The Shallows, 2016)
di Jaume Collet-Serra

Dall’unione di un regista specializzato in B movie (tra l’azione dei polizieschi iperbolici con Liam Neeson e i film dell’orrore) con uno sceneggiatore di paura prestato al thriller puro, non poteva che nascere un film onesto. E questo è Paradise Beach, un thriller estivo di un’onestà disarmante.
Senza la pretesa di inventare assolutamente niente, questo film mette una donna in pericolo e svestita su uno scoglio come fosse una sirena ferita (alle gambe peraltro), e la fa braccare dal mostro marino per eccellenza, lo squalo. In un film del genere davvero non contano i dettagli, cioè come la protagonista sia arrivata dove sta, che lavoro faccia o anche chi la potrebbe aiutare e non lo fa, conta solo il desiderio di sopravvivere, la fermezza nel combattere e il senso di purificazione che si trae da un confronto imprevisto, inatteso e inadeguato con il mondo animale.

Benché non voglia essere niente più di un divertimento estivo tra le cosce di Blake Lively, le onde, le spiagge e poi le inquadrature dal fondo del mare e il sangue dei morsi dello squalo, Paradise Beach centra la caratteristica fondante del suo genere, cioè il contrasto tra un mondo agiato e la spietata brutalità di un luogo che non conosce regole, uno in cui la morte è dietro l’angolo per chiunque. Più la protagonista è bella, sofisticata, pulita, bianca, bionda e cittadina (con smartphone, lauree e problemi da primo mondo), più il luogo deve scatenare in lei l’essere primitivo, le risorse animalesche e la capacità di ingegnarsi rischiando tutto in imprese impossibili con il solo scopo di sopravvivere. La resa non è un’opzione.

L’uomo di città, intellettualmente evoluto, civile e acculturato può sopravvivere proprio grazie a queste caratteristiche in contesti che sembrano richiedere il suo lato più animale?
Facendo sfoggio di uno squalo in computer grafica non perfetto ma utilizzato senza remore come accade nei film Asylum, Paradise Beach risponde all’appello di ogni regola non scritta del suo genere e lo fa con l’abilità che serve in questi casi, quella che impone di raccontare sempre la stessa storia ma con una retorica convincente. Quanto tempo passa prima del primo attacco? Quanto verrà ferita la protagonista prima di reagire? Come fermerà il sangue? Quanto sarà tangibile il suo dolore? E alla fine, quando il confronto si fa immenso e necessario, quando il tempo stringe e la sete d’omicidio dello squalo si fa inarrestabile, quanto sarà epico lo showdown? Jaume Collet-Serra e Anthonsy Jaswinski rispondono bene a tutte le domande in meno dei 90 canonici minuti.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.