2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

17.9.16

The Beatles: Eight Days a Week - The Touring Years (id., 2016)
di Ron Howard

La storia dei Beatles vista per immagini è un viaggio tutto suo, paradossalmente autonomo dalla musica. Questo è il pregio maggiore di The Beatles: Eight Days a Week - The Touring Years: voler affrontare attraverso la storia delle performance live dei Beatles anche la storia della loro immagine e di come questa possa essere scollata dalla musica. Purtroppo però è anche l’unico vero pregio di un documentario ricco (di immagini, di contributi, di inediti e di testimonianze) ma povero di ragionamento, che pare capace di notare gli elementi più interessanti ma non è mai desideroso di approfondirli.

Partendo dal presupposto che chiunque non abbia troppa confidenza con la band o anche semplicemente non abbia visto qualcuno dei molti documentari fatti su di loro (uno degli ultimi, in ordine di tempo, ad affrontarne solo un aspetto ma con un piglio fenomenale è George Harrison: Living in the Material World di Martin Scorsese) troverà pane per i propri denti. È però anche evidente che a più di 50 anni dal primo disco di una delle band più importanti di tutta la storia della musica pop e rock, ora che la maggior parte delle persone che hanno vissuto quegli anni ha superato i 60, probabilmente il lavoro che fa questo documentario è troppo poco e avremmo bisogno di altro.

Perché se Ron Howard si sofferma a dovere sul ruolo di Brian Epstein (il loro manager) e sottolinea quanto fargli indossare abiti tutti uguali sia stato un elemento determinante per identificare cosa fossero i quattro almeno fino alla seconda fase della vita del gruppo, quella in cui ognuno si vestiva a modo proprio ed inseguiva i propri interessi, poi non spiega cosa comportasse tutto ciò, da dove venisse e che ragioni avesse. Se mostra il radicale cambio di atteggiamento del mondo nei loro confronti dopo il 1965 non cerca mai di capirne le ragioni, dipinge un’opinione pubblica anti-beatles (cosa non esattamente vera) e non approfondisce le possibili ragioni o implicazioni.
Rimanendo sempre in superficie insomma questo documentario, corretto e spesso godurioso, non diventa mai un’operazione di vero ragionamento storico su quel che è stato per l’intrattenimento dal vivo l’arrivo dei Beatles.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.