2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

24.4.17

Ciao Amore Vado a Combattere (2016)
di Simone Manetti

Ciao Amore Vado a Combattere è un film di una semplicità disarmante. La storia di una donna che ha cambiato vita cambiando continente e cultura, che è passata dall’Italia all’America per studiare recitazione, finendo a fare la musicista a New York e poi, folgorata della muay thai ha combattuto per anni in Thailandia, fino a che ora si prepara per un incontro gigantesco e la possibilità di diventare campionessa del mondo di quella disciplina. La forza di Simone Manetti è quella di usare l’allenamento per il combattimento per il titolo come tamburo battente da cui dipartire per mille flashback e racconti paralleli. Un countdown al giorno X che è una corsa nella storia di Chantal Ughi.

Chantal Ughi infatti mena, corre, mangia, guarda della tv e parla di arti marziali con i tassisti, sostanzialmente è questo che la vediamo fare in preparazione all’incontro, intanto con dei filmati di anni prima vediamo i primi incontri, sentiamo dalle sue parole come sia arrivata alla muay thai, sentiamo i suoi allenatori parlare di lei, del suo stile e della sua dedizione, così il film apre degli squarci sulle motivazioni e sul passato di questa donna. Che è il vero film.
Come in un’opera di finzione questo documentario usa il presente per dare senso al passato. Quando Ciao Amore Vado A Combattere arriva a svelare le parti meno concilianti dell’infanzia e della vita familiare della sua protagonista le ha costruito addosso un personaggio che dà senso a quei racconti, uno fatto di fatica sudore e pugni presi e dati, uno inarrestabile, di poche parole e grande dedizione.

Con un uso fantastico dei filmati del passato, del volto più giovane di Chantal Ughi delle foto e dei video della vita a New York e poi degli incontri di adesso, tutti gomitate e ginocchiate, colpi di allenamento e di veri incontri sul ring, Ciao Amore Vado A Combattere narra, in poche parole, la storia di un corpo che è passato dallo sforzo del recitare a quello del combattere, un fisico che si fa guardare mentre è in moto in ogni senso, sia che finga sia che meni. Intorno c’è una trama da Rocky costruita benissimo da Simone Manetti con il montaggio, una fatta di occasioni, rivincite, possibilità quasi fuori tempo massimo (non è più giovanissima ed è un anno che non combatte, elementi che giocano contro di lei) che dà a quei fatti veri la profondità e il “senso” aggiunto che solitamente attribuiamo alla finzione e che poi è quello che consente ad una storia di fare il passaggio da “interessante” a “significativa”.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.