2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

9.9.17

Mektoub, My Love - Canto Uno (id., 2017)
di Abdellatif Kechiche

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA
C’è qualcuno che spia una ragazza e un ragazzo mentre fanno sesso all’inizio di Mektoub, My Love - Canto Uno, è Amin, sceneggiatore in erba che li guarda incuriosito e attratto. Per il resto del film non farà altro che guardare la maniera in cui i corpi dei suoi amici e coetanei si attirano, si chiamano, si pretendono, senza mai prendere parte alla festa degli istinti, nonostante le molte offerte. Amin è il protagonista silenzioso (l’unico di cui non capiamo molto, che non si svela come gli altri tramite gli sguardi e le frecciatine) di un film molto corale che mette insieme la maniera in cui Kechiche fa interagire un cast ampio vista in La Schivata, allo sguardo ravvicinato e innamorato della carne e della sua potenza attrattiva di La Vita di Adele.

Di nuovo qui ogni inquadratura afferma perentoriamente il dominio del corpo nella vita umana, come sia la fonte di ogni debolezza e forza, come nessuno possa trattenere razionalmente quello che i propri istinti gli comandano. Nelle tre ore di un film che conta un numero di scene pari a qualsiasi altro ma le dilata a dismisura, c’è un tripudio di dialoghi, un fiume di parole scambiate nei più vacui discorsi, perché a contare è solo il dialogo del corpo. Mentre questi ragazzi in vacanza in una spiaggia nel sud della Francia nel 1994 fanno quello che fanno i ragazzi d’estate (odiarsi e amarsi, darsi fastidio e chiamarsi), Kechiche come Amin guarda da vicino i dettagli della loro attrazione, gira primi piani dei loro ombelichi, delle natiche, illumina con la luce del tramonto le trasparenze dei costumi e fa di tutto per comunicare la potenza attrattiva del loro essere giovani e belli. Li rende irresistibili.

Il vero protagonista di Mektoub, My Love, non è quindi il destino (significato della parola mektoub) ma la prepotenza delle pretese ed esigenze dei corpi, nei ragazzi e negli adulti, sia che non vogliano rinunciare alla frivolezza giovanile (lo zio Kamel), sia che si facciano giudici di quel che vedono a partire dalle apparenze fisiche.
In ogni caso Mektoub, My Love riesce a catturare ancora meglio di La Vita di Adele il mistero della comunicazione non verbale, riesce ad imprimere nello sguardo di una ragazza un desiderio così flagrante da essere al tempo stesso gioioso e terribile, suggerisce la vetta dell’essere travolti da un istinto e l’abisso della frustrazione nel non poterlo saziare, riesce insomma a mettere in scena le pulsioni primarie come nessuno è mai riuscito a fare.

Ridere, piangere, amare, mangiare, penetrare, possedere e desiderare, non esiste altro. Anche un semplicissimo pranzo in spiaggia a base di spaghetti allo scoglio, tramite il montaggio di Arthur Boulegue e la luce di Marco Graziaplena, diventa un’affermazione della gioia stessa di essere vivi.
Superando l’esigenza di un intreccio e uno svolgimento propriamente detti, Kechiche approda ai lidi di Richard Linklater, al cinema che scarta l’eccezionale e abbraccia il quotidiano, scovando non in una girandola di eventi ma in ogni singola azione, a prescindere dalla sua importanza, le immagini che gli servono a raggiungere i propri fini.

Non casualmente aperto da due citazioni, una dal Corano e una dalla Bibbia, riguardo la luce, Dio e l’uomo, Mektoub, My Love è anche il film dalla fotografia più sofisticata di questo regista che fino ad ora si era nascosto dietro le proprie opere, mentre adesso è sempre più protagonista, ha la mano sempre più decisiva. Girato in gran parte al tramonto e determinato a mettere in scena le luci stesse, Mektoub, My Love adora il sole e con l'ampio uso di musica sacra non nasconde di vedere in esso un'emanazione divina. Ma del resto adora anche l’illuminazione fasulla della discoteca, in cui ambienta una sequenza di più di mezz’ora come il cinema non ne aveva mai conosciute, una festa dei corpi, del sudore, della fatica della parola e degli sguardi in cui tutto è chiaro e insieme tutto è caotico, non contrapposta come sarebbe facile fare al senso del sacro.

Se La Vita di Adele raccontava una ragazza che al termine della propria adolescenza viene sorpresa dalle esigenze del proprio fisico, fulminata da un bisogno di sesso omosessuale che non conosceva e non aveva mai considerato, ma la investe con una potenza devastante, comunicata tramite le scene di sesso filmato con una chiarezza inedita e poi tramite la lunga disperazione della fine dell’amore, Mektoub My Love sceglie di essere ancora più radicale e allarga il discorso ad ogni altro essere umano sullo schermo, raccontando una delle storie più importanti in assoluto, quella del retaggio animale e istintivo della razza umana.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.