21.6.05

Zoolander (id., 2001)
di Ben Stiller

Share |

Amo Ben Stiller, lo trovo uno dei più grandi interpreti dello zeitgeist comico, è la quint'essenza della comicità moderna, un po' Jim Carrey nel puntare molto sulla mimica, un po' Leslie Nielsen nella sua demenzialità che pervade ogni elemento della quotidianità. Ho visto Zoolander molto dopo la sua uscita al cinema con un po' scetticismo, avendo trovato Giovani Carini e Disoccupati decisamente inutile, e mi sono trovato di fonrte ad una perla unica.
Zoolander è un film dalla trama farraginosa ed in parecchi punti ostico da seguire, ma il susseguirsi delle gag (di stampo televisivo) è travolgente. Tutta la comicità scaturisce dai tipici elementi stilleriani (messa in ridicolo del suo personaggio davanti agli altri, involontaria ridicolezza...) e un tocco di quell'umorismo da Saturday Night Live e MTV molto alla moda (sulla scia di Adam Sandler) fatto di nani e giganti, di ciccioni e uomini truccatissimi, fatto di personaggi ridicoli inseriti in contesti ordinari. Una comicità molto molto semplice e lontana anni luce dal celebralismo di Woody Allen (per dire), ma efficacissima e piena di originalità.





6 commenti:

MIMME ha detto...

mi diresti come si fa a mettere le foto sul blog??????

gparker ha detto...

Devi copiarti l'indirizzo della foto, basta che ci clicchi sopra col pulsante destro e scegli copia indirizzo dell'immagine, dopodichè se hai un blog con blogspot devi selezionare il modo di scrittura Edit HTML e dove vuoi mettere l'immagine scrivi < (che è il simbolo di maggiore) img src="indirizzo dell'immagine" >.

Anonimo ha detto...

Io aggiungerei anche le fantastiche comparse, e su tutti Bowie. Che mito.
Tony

gparker ha detto...

Ma perchè si è prestato? Prima di farlo non poteva sapere come sarebbe venuto il film e dalle premesse poteva venire una megacagata!

Anonimo ha detto...

Scherzi?! Bowie! Lo sapeva già da prima che sarebbe riuscito bene. Voglio dire, sapeva che c'era lui medesimo. Quale altra garanzia?

Tony

Anonimo ha detto...

Geniale è stata la trovata delle espressioni : la presa in giro conle reali espressioni pseudo intense delle varie modelle/ modelli sulle riviste patinate è sublime, così come l’invenzione della fantomatica « Magnum » l’espressione per eccellenza, che emana addirittura onde elettromagnetiche. ( lo spasso è sottolineato dal fatto che tutte le espressioni, Magnum compresa, sono in effetti uguali).