21.12.05

Speriamo Che Sia Femmina (1986)
di Mario Monicelli

Share |

Appartiene all'ultimo filone di film monicelliani Speriamo Che Sia Femmina, quello per intenderci che comprende anche Parenti Serpenti, fatto di film corali e, rispetto al passato, più di costume che di umanità. Non che questo sia a priori un difetto, ma nella pratica non c'è nulla di questo periodo a livello dei precedenti (forse in qualche punto Cari Fottutissimi Amici).
E' in sostanza un film sulle donne, e questo non è difficile da capire, a mano a mano che la trama si scioglie aumenta la presenza femminile e dimnuisce quella maschile fino al culmine, la scena nella cucina in cui Liv Ulmann prende la decisione di non vendere la tenuta, che vorrebbe essere la scena madre del film, che tira le somme delle donne con le donne. Dico "vorrebbe" perchè tutto mi sembra troppo superficiale e poco incisivo, mentre altri aspetti del film, il carattere e i rapporti intrattenuti con la tata Athina Cenci per esempio, sono molto più interessanti, la psicoloia delle 5 differenti donne (6 con il personaggio appena accenanto della Sandrelli) non è che sia così accattivante come forse (il condizionale è d'obbligo) dovrebbe o vorrebbe.
C'è anche da dire che per quanto ritenga Monicelli un grandissimo autore che nulla ha da imparare da nessuno, se si parla di film sulle donne, io, che sono della generazione Almodòvar, sono abituato ad altre cose.
Stranamente, benchè il film sia diretto e scritto da italiani e abbia metà del cast italiano e sia ambientato in Italia e solo il 50% della produzione sia francese, è girato tutto in francese...
Ultima notazione, non so se sono io o capita tutti o è proprio così, ma influenzato forse dalla presenza di Liv Ulmann, questo mi è sembrato decisamente il più bergmaniano dei film di Monicelli...





6 commenti:

frankie666 ha detto...

OT: ieri ho visto da feltrinelli international (non ci entrare mai... Hanno rinnovato tutto il settore cinema, se entri sono cazzi tuoi...), Heimat 3, ne sai qualcosa?

gparker ha detto...

Certo. Sono andato a vederlo al cinema. Nettamente inferiore agli altri due Heimat che sono spettacolari, anche se Mereghetti lo giudica a livello.
Purtroppo c'è da dire che io l'ho visto prima di vedere HEimat 1 e 2, dunque se mai lo faranno mi ripropongo di vederlo...

frankie666 ha detto...

acc... speravo di coglierti inpreparato... Cmq incredibile il nuovo feltrinelli... Addirittura uno scaffale con horror e poliziesco all' Italiana, uno dedicato al cinema asiatico, al russo... Veramente bello... Si incomincia seriamente a vedere uno standard degno di rivaleggiare con la Fnac Francese... Che purtroppo vince ancora per fumetti e tecnologia (stravince anche)...

gparker ha detto...

FNac lo conosco è terribile, una macchina rubasoldi. Alla Feltrinelli non ci voglio mettere piede, l'ultima volta ero entrato per prendere un libro sono uscito senza 60€.

frankie666 ha detto...

Io sono cliente deluxe della FNAC online... lascia perdere sono posti terribili... Però ha un grande pregio... Ti puoi mettere li e passare la giornata a leggere fumetti senza che nessuno ti rompa le palle!!! E senza comperarli!!! Ovviamente se poi ti piace lo comperi...

Io da Feltrinelli oggi ci devo tornare...

gparker ha detto...

Buona Fortuna