27.10.06

Apri Gli Occhi (Abre Los Ojos, 1997)
di Alejandro Amenabar

Share |

E' partita al Filmstudio di Roma una rassegna sul cinema postmoderno spagnolo che comprende l'intera filmografia di Almodovar più i vari Amenabar, de la Iglesia, Del Toro ecc. ecc.
Ieri sera ero pronto per Labirinto di Passioni, ma la copia non è arrivata e già che ero lì ho ripiegato su Apri Gli Occhi che già avevo visto anni fa (ai tempi di Vanilla Sky).
E devo dire che non me lo ricordavo così bello. Non mi ricordavo l'abilità di Amenabar (maggiore che in Tesis e anche maggiore che in The Others) e no mi ricordavo la molteplicità di sottotesti, sottointesi e intenti. Il discorso sulle illusioni e sui sogni è chiaramente in primo piano, ma più sottile c'è tutta la paura ancestrale delle persone che abbiamo accanto (cose non dissimili da Il Sospetto di Hitchcock) e le fobie interiori. La resa dei sogni pure non è male.
Non menzionerò nemmeno Vanilla Sky, uno dei peggiori remake che si siano mai visti.
Tra le altre cose non mi ricordavo nemmeno come la scena finale e la soluzione degli enigmi del film fosse così simile a Matrix che è di due anni posteriore.

2 commenti:

l. ha detto...

mi hai convinto a reperirlo!
tesis mi era piaciuto molto, ma dato l'obbrobrio vanilla sky non mi ero mai decisa a vedere l'originale.

gparker ha detto...

Anche a me Tesis non era dispiaciuto ma questo è decisamente meglio. Solo i dialoghi lasciano un po' a desiderare perchè il resto vale proprio.