4.12.06

Trappola Criminale (Reindeer Games, 2000)
di John Frankenheimer

Share |

Consigliatomi da mio fratello questo film si presenta per la prima buona mezz'ora come un autentico serie B degli ultimi anni, secco e asciutto come i migliori film.
Un uomo disperato immerso fino al collo in una situazione che ha pochi spiragli d'uscita che lotta per sopravvivere e contemporaneamente per farlo decentemente. Niente superomismi all'americana, niente esagerazioni melodrammatiche nè clamorosi colpi di scena. Addirittura anche Ben Affleck è pregevole.
Purtroppo più avanza più il film si rovina. Tutta l'autenticità dell'inizio si perde in breve, saltano fuori mille assurdità e complicazioni artificiose, il film comincia a pretendere e fare promesse che non è in grado di mantenere, fino ad un assurdo e improbabile finale che risolve tutto con un buonismo difficilmente sopportabile.
Rimane unicamente l'abilità (questa fortunatamente indubbia) di Frankenheimer (qui al suo penultimo film) di narrare una storia con tutti gli stratagemmi del caso. L'ambientazione è perfetta, caratteristica al punto giusto (anche se questi flm sulla neve sono tutti debitori di Neve Rossa) che sfrutta i paesaggi e le caratteristiche climatiche per aumentare il pathos. La macchina da presa sempre attaccata ai visi dei personaggi e bene attenta a lasciare degli spiragli sullo sfondo anch'esso a fuoco (anche senza usare lenti bifocali) dove accadono altre azioni.

Sarà mai possibile vedere Gary Sinise sullo schermo e non ricollegarlo al tenente Dan?

TOP SCORE a cura di Compatto:
Lo score di Trappola Criminale è composto e diretto da Alan Silvestri, a dire il vero all’inizio doveva essere Jerry Goldsmith a musicare il film ma non si sa per quale motivo ha dovuto lasciare la produzione ed è sub entrato Alan Silvestri.
Lo score è cupo, d’atmosfera in certi momenti, musiche che accompagnate al film hanno un senso ma sentiti da soli comunicano ben poco, ma questo non vuol dire avere una mancanza di idee, vuol solo dire comunicare attraverso lo score delle sensazioni, detto questo, di musica d’azione ce n’è poca, è non è la solita azione potente di Silvestri ma un tipo di azione cupo che Silvestri ci ha già fatto sentire in Judgement Night (Cuba Libre in Italia) con le sue solite marcette che a qualcuno possono anche ricordare Predator seguite poi dal tema drammatico/romantico associato al personaggio di Rudy che è decisamente il migliore, il classico tema drammatico di Silvestri che si può ascoltare anche in Tomb Raider 2 e Cast Away (ovviamente non sono identici).
Uno score decisamente buono, anche perchè è difficile parlare male di uno score di Alan Silvestri.

7 commenti:

frankie666 ha detto...

Visto.
Una merda indegna.

Mariolone ha detto...

oddio...visto inconsapevolmente su dvd di un collega.......una merda senza paragoni...ma a sapere che ci facevi un post l'avrei guardato con più attenzione

gparker ha detto...

Posto tutto quello che vedo.
Dunque a chi tocca tocca.

Mariolone ha detto...

be,hai visto anche beverly hills doppiato dai prophilacts...facci un post

gparker ha detto...

Tutto quello che vedo ora, giorno per giorno. No tutto quello che ho visto nella mia vita.

frankie666 ha detto...

Sarei curioso di vederlo un tuo post su Beverly Hills doppiato dai prophilax...

Mariolone ha detto...

anche io