2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

16.9.08

Cosa significa lynchano e perchè è così importante

Riporto anche io qui un fenomenale pezzo di David Foster Wallace che Alberto di Felice traduce e riporta e che originariamente è comparso su Premiere nel 1996 in occasione dell'uscita di Strade Perdute.
Una definizione accademica di “lynchiano” potrebbe essere che il termine «si riferisce a un particolare tipo d’ironia in cui il molto macabro e il molto mondano si combinano in modo tale da rivelare il perpetuo contenimento del primo all’interno del secondo». Ma come postmoderno o pornografico, lynchiano è una di quelle parole in stile Porter Stewart che sono in definitiva definibili solo per come appaiono—ossia, lo si conosce quando lo si vede.

8 commenti:

dario ha detto...

E io che mi maledico perché Infinite Jest mi ha sempre fatto troppa paura per leggerlo, e che se lo leggo ora sarei solo uno dei tanti travolti dall'effetto cronaca nera.


Giangidoe ha detto...

Io uso spesso questo aggettivo ma -oltre che come semplice sostituente della forma "di Lynch"- lo uso nell'accezione di onirico/surreale e vagamente grottesco insieme, o anche come qualcosa caratterizzato da improvvisazione e destrutturazione in regia e sceneggiatura.
Però ovviamente, in base al contesto, ammetto che io stesso gli attribuisco dei significati diversi (non sempre positivi).


SVVV ha detto...

@Dario: quale libro?


SVVV ha detto...

sorry era per il post precedente


dario ha detto...

Eh?


gparker ha detto...

Si infatti mi incuriosiva questa disamina di un aggettivo che poi tutti usiamo anche se in maniera vaga, perchè vaghi sono i contorni dei film lynchani.


jack skellington ha detto...

il primo dei due brani secondo me calza a pennello: e tutta la parte relativa all'espressione facciale grottesca "mantenuta per parecchi momenti.." coglie davvero uno degli elementi più decisivi dello spirito lynchano.. il secondo brano invece mi pare più confuso e meno condivisibile (il jeffrey beaumont di velluto blu è davvero un personaggio"sviluppato e umano"?? più di sailor e lula?)


gparker ha detto...

Neanche io concordo su tutto, ma lo spirito che cerca di cogliere mi ha sorpreso.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.