2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

29.3.12

La furia dei titani (Wrath of the titans, 2012)
di Jonathan Liebesman

Con una rivoluzione sostanziale nella troupe e una molto meno sensibile nel cast (scompare Gemma Arterton e Rosamund Pike sostituisce Alexa Davalos come Andromeda) Furia dei titani cerca di far dimenticare Scontro tra titani.
Liebesman è cineasta molto più coerente e consapevole delle proprie possibilità rispetto a Louis Leterrier (vedasi World Invasion, noioso e retorico ma impeccabile nell'esecuzione) ed è subito evidente. Furia dei titani è un film d'azione diretto con piglio tecnico, dai dialoghi mediamente banali ma poco influenti e poco pretenziosi, che mira ad intrattenere nella maniera più diretta e semplice. E per ampi tratti ci riesce. Certo bisogna partire dal presupposto che il film non ha la minima intenzione di seguire i veri miti greci ma usare solo nomi noti e qualche caratteristica, troppo nota per essere trascurata, al fine di raccontare il mito americano con i costumi e i sandali di quello greco. Ne è esempio evidente come nel primo scontro demoniaco (quello nel villaggio) inquadrature e creatura siano prese a piene mani dall'immaginario di Dragon Trainer.

La dimensione visiva è ancora una volta un misto tra i gigantismi della serie God of War e una visione più sabbiosa e sporca del mestiere dell'eroe, rappresentazione metaforica ideale per il leitmotiv del film, ovvero il fatto che un semidio, diviso tra spirito divino e sostanza mortale sia migliore di un dio, proprio per la sua parte umana. La fallacità e la follia comandata dai sentimenti come segno di superiorità. Mah...
Il senso di divertimento è inoltre acuito dall'idea che Furia dei titani sia un film immerso nel tessuto moderno, che è conscio di quanto accaduto con i suoi due predecessori. Ne prende in giro ridicolaggini (ancora il gufo meccanico della versione 1981) e ne sfrutta meme ricorrenti (il "liberate il Kraken"), per riderne con il pubblico, in un senso di comunanza e comunità che non solo non è frequente al cinema ma risulta appropriato al genere di film.

E' semmai il 3D la vera delusione e non perchè non si sia abituati a film dalla stereoscopia quasi inesistente, quanto perchè Scontro tra titani era stato da subito bollato come il film simbolo del 3D truffaldino, inutile, fatto al risparmio e di fatto inconcludente. Era dunque lecito aspettarsi da Furia dei titani, qualcosa di più impressionante e professionale, invece, escluso qualche pop-out pretestuoso (che sembra messo proprio a "dimostrare" che stavolta c'è profondità), siamo dalle medesime parti. Le scene sono divise al massimo in un paio di piani (vicino e lontano), senza un senso della distanza o una pianificazione delle inquadrature che favoriscano la prospettiva.
La verità è probabilmente la più semplice di tutte, ovvero che delle proteste e delle polemiche di quella minoranza (rispetto al totale del pubblico pagante) che aveva trovato inaccettabile la profondità del film precedente, ai piani alti non interessa niente.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.