2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

30.3.12

Midori-Ko (2010)
di Keita Kurosaka

CONCORSO 
FUTURE FILM FESTIVAL 2012

Le idee, la mitologia e l'universo di riferimento escono dritte dall'immaginario giapponese, i disegni invece guardano più al Canada e a quelle idee a basso budget e alta creatività, che allargano i confini dell'animazione per il cinema. Si tratta di un miscuglio perfetto per un racconto altamente metaforico e allegorico come quello di Midori-Ko, in cui una verduraia si ritrova per le mani un vegetale vivente (con un volto!) che cresce come un bambino e che tutti intorno a lei (esseri mostruosi che si comportano come umani) vogliono mangiare, mentre lui soffre, piange e si fa continuamente male.

In certi momenti si respira un'aria simile al finale di Eraserhead (non l'ho notato solo io, Lynch è scritto ovunque nel pressbook e nelle descrizioni del film), quando il bambino mostruoso nel piangere rischia di far impazzire il protagonista. Quell'idea di pericolo e inquietudine Midori-Ko la trasferisce al mondo vegetale, in una specie di grido vegetariano che subito però diventa altro.

Come capita nei casi migliori, il film si sgancia dal suo soggetto (molto legato alla diatriba carne/verdure) per puntare più in alto su temi quali l'avidità umana, la bramosia, il desiderio e la noncuranza delle conseguenze delle proprie azioni.
La forza del film sta proprio nel non essere facile, nel non cercare la conciliazione ma di provocare le potenzialità della visione ad ogni istante, con un disprezzo per le reazioni e la resistenza dello spettatore che va di pari passo all'esaltazione della forma e delle trovate visive.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.