2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

21.5.12

Amour (id., 2012)
di Michael Haneke

CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES 2012

Questa volta Haneke spara basso ma comunque non manca il bersaglio, Amour è quello che lui voleva che fosse. La storia di due persone anziane, marito e moglie, dei quali l'una comincia ad inizio film il percorso di progressiva disabilità fisica e psicologica che conduce alla morte e l'altro le rimane accanto con quella pervicacia quasi disumana che caratterizza i personaggi di Haneke.
Non succede davvero nulla stavolta. Tolto lo spunto iniziale, cioè l'arrivare della progressiva disabilità, il resto del film è un peggiorare delle condizioni lento ed inesorabile e una cronaca episodica di quotidiane fatiche e compromessi per non ospedalizzare (sarebbe inutile) e non mandare in una casa di riposo la moglie.

Le badanti, gli infermieri, le sveglie, i dolori, le urla e infine l'incomprensione sono il pane quotidiano di queste scenette, inframezzate di tanto in tanto dalle visite della figlia a cui il padre però, non consente di prendere parte davvero attiva nel processo di assistenza della madre, che considera suo dovere esclusivo.
Con il sadismo verso i propri personaggi (che poi è sadismo verso lo spettatore che si identifica in essi) che lo contraddistingue, Haneke cerca di far esperire a tutti quell'esperienza di estrema dedizione tramite immagini spesso perfette (lo stanzino in cui il marito si trasferisce per lasciare alla moglie il letto è il simbolo stesso del sacrificarsi, l'affaticata lentezza con cui si muove Trintignan sa essere più esasperante delle urla della malata) e come si conviene negli ultimissimi minuti tira le fila di tutto, senza negarsi un paio di scene madri che tirano fuori la lacrima.

Nonostante quindi anche stavolta il teorema filmico di Haneke sia perfetto, rimane l'idea di un film dalle aspirazione e dai risultati inferiori rispetto al passato. Senza sconfinare nel territorio sentimentale puro di Mike Leigh, questo film bazzica dalle parti di Another Year, senza averne la potenza, mostra una figura retta indefessa, senza mai calarla in contesti che mettano alla prova le sue convinzioni ma testandone solo la tenacia. E' insomma un film di resistenza Amour, più che di amore vero e non è detto che, in questo senso, il titolo non stia lì a mettere in dubbio la spinta che muove il protagonista.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.