2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

19.5.12

Lawless (id., 2012)
di John Hillcoat

CONCORSO
FESTIVAL DEL FILM DI CANNES 2012

Caos, mancanza di direzioni, inefficienza o inesistenza dell'ordine costituito e legge della strada, cioè anarchia. Questo interessa a John Hillcoat, sia nel postapocalittico che nel western australiano che in quello videoludico (come insegna il machinima di Red Dead Redemption da lui diretto). Adesso Lawless va abbastanza alla radice del tema fin dal titolo, storia di proibizionismo, alcol distillato di straforo e di polizia inaffidabile perchè o un passo indietro (inerme, corrotta, incapace) o uno troppo avanti (sanguinaria e arrogante).
In questo scenario si muovono tre fratelli fuorilegge dell'alcol. Il capo riflessivo (Tom Hardy, che vince sempre lui), l'animale (Jason Clarke) e il debole (Shia LaBeouf), succube sia della violenza che del successo.

Le atmosfere ricordano sia il gangster movie classico del primo novecento, sia le rielaborazioni moderne di Boardwalk Empire, con in più un twist violento e gore a dare il segno della modernità.
Se però le premesse spingono bene sul pedale dell'inconsueto, con una presentazione dei personaggi, dello scenario e dell'azione che fa sperare per il meglio, a mano a mano che procede il film diventa sempre più ordinario fino allo scontato showdown finale (scontato in sè e per come si svolge). Come se Hillcoat non riuscisse a mettere a frutto quei paesaggi che pure sa incastrare nei frame e quelle figure che pure sa incastrare tra alberi e foglie.

Forse allora è proprio nell'estrema esibizione di violenza e nella resa nuda e cruda di un tempo e una condizione (gli anni '20 e il proibizionismo) in un paese violento di suo come gli Stati Uniti, che Lawless può trovare la sua parte più interessante, probabilmente l'unica.
Non è solo una questione di sangue a fiotti e di organi espiantati con coltellacci, ma di tratteggiare uno scenario in cui può seriamente accadere quanto di peggio e in cui i miti, pur essendo irreali e fasulli come sempre (fa testo quello imbastito dal protagonista), hanno salde radici in eventi reali e spaventosi, mattanze al limite dell'umano. Il mitologico e il reale che si sovrappongono in uno scenario in cui l'ordine costituito non esiste.

4 commenti:

frankie666rises ha detto...

Da fan sfegatato di Tom Hardy mi tocca andarlo a vedere.


Gabriele Niola ha detto...

veramente niente di che


frankie666 ha detto...

Visto dopo un casino di tempo.

Veramente niente di che, concordo. Rimango fan di Hardy, che vince sempre lui.

Inoltre dopo Zero Dark Thirty, sono diventato fan di Jessica Chastain e la nuova Julianne Moore.


Gabriele Niola ha detto...

si ma jessica chastain molto meglio in Zero dark thirty che qui!


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.