2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

4.9.12

Disconnect (id., 2012)
di Henry Alex Rubin

FUORI CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2012
PUBBLICATO SU 

Partendo da un presupposto contenuto nel titolo stesso del film, ovvero che l'invadenza della comunicazione mediata dalla tecnologia sta prosciugando le nostre vite della più autentica forma di contatto umano, quella della compresenza fisica, Disconnect imbastisce un racconto di 4 storie collegate blandamente dalla comparsata di qualche personaggio dell'una nell'altra e narrate in forma intrecciata. Lo schema, in povero, inaugurato da Magnolia e già impoverito da Crash.

Non solo Henry Alex Rubin gira un film debole sul piano della sceneggiatura, lungo come pochi e incapace di regalare momenti di autentica partecipazione, ma lo stesso ha l'arroganza di esaurire un tema senza davvero affrontarlo con completezza.
Le storie riguardano drammi eterni che preesistono la tecnologia. Il bullismo finito male, un lutto che separa una coppia, lo sfruttamento dei media sui personaggi delle loro storie e via dicendo. Amarezze che oggi sono veicolate da internet (perchè tutti i drammi nella storia passano attraverso la tecnologia) e che trovano sublimazione nel mondo reale.

Il luddismo incredibile dello spunto impedisce in ogni momento al film di rappresentare anche l'altro lato della medaglia con onestà, ovvero la capacità che la tecnologia contemporanea, e in particolare quella che più lavora sull'ambito delle relazioni, ha di mettere in connessione in maniera nuova e diversa le persone.
Nel suo film corale il regista intreccia personaggi creando i presupposti per la sua critica, cioè prevedendo sempre una tecnologia che è strumento di male e mai strumento di bene. Mette in scena personaggi che usano i nuovi media o i social network per fini malevoli e poi intitola il film Disconnect. Il massimo della cattiva fede realizzato con il massimo delle ambizioni (addirittura un ralenti che intreccia un momento di violenza contemporaneo di tutte le storie) e il minimo degli esiti.

1 commento:

Cheap GW2 Gold ha detto...

case as well neat with regard to words! :)
good job! Buy D3 Items


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.